3 motivi per farti sentire le tue emozioni

javi_indy/Shutterstock
Fonte: javi_indy / Shutterstock

Dal momento in cui siamo bambini, a molti di noi vengono dette cose come "Non piangere" e "Non c'è nulla di cui essere tristi". Come cultura ci viene spesso insegnato che dovremmo cercare di evitare spiacevoli emozioni a tutti i costi Quindi, per molti, l'impulso primario quando si verificano emozioni spiacevoli è cercare di sfuggire a tali sentimenti attraverso l'alcol, la droga, la limitazione del cibo, l'abbuffata, l'attività fisica, il sesso compulsivo o una varietà di altri comportamenti auto-lesivi.

Credo che sia molto più sano "inclinarsi" alle tue esperienze di dolore, piuttosto che cercare di intorpidire le tue emozioni.

Ecco tre motivi per cui è importante consentire a te stesso di elaborare e sperimentare i tuoi veri sentimenti.

1. Quando intorpidi la tristezza, intorpidi anche la felicità e la gioia.

La realtà è che non puoi selettivamente intorpidire le emozioni. Usare comportamenti negativi per evitare i tuoi sentimenti può aiutarti a provare meno tristezza e rabbia, ma ti impedisce anche di provare felicità e gioia. Parte della cosa sorprendente dell'essere umani è che siamo in grado di avere una gamma di emozioni. Sperimentare tristezza e dolore fa parte di ciò che rende così incredibile provare gioia e felicità.

Pensa ai tuoi sentimenti come a onde nell'oceano. Vanno e vengono, salgono e scendono. Nessun sentimento dura per sempre; rabbia e tristezza sono parti necessarie e utili dell'esperienza umana. Inoltre, tutte le nostre emozioni contengono doni e ci aiutano a crescere come persone.

2. Combattere con le tue emozioni porta spesso a più sofferenza.

Cercare di combattere i nostri sentimenti spesso porta a più sofferenza. Usare comportamenti negativi per cercare di intorpidire i nostri sentimenti è come mettere un cerotto su una ferita aperta. Potrebbero farti sentire meglio temporaneamente, ma questi comportamenti non "risolvono" il problema sottostante. Inoltre, l'utilizzo di strategie di coping negative per emozioni intorpidite fa sì che le persone si sentano ancora peggio a lungo termine.

Piuttosto che cercare di sopprimere i tuoi sentimenti, lavora per essere un osservatore consapevole di loro. Osserva le emozioni che provi e dove le senti nel tuo corpo. Quindi, prova a coltivare una posizione curiosa e non giudicante. Le nostre emozioni sono spesso messaggeri che segnalano qualcosa di importante a cui dobbiamo prestare attenzione.

Diciamo che vedi un amico che insegue il loro sogno di scrivere un libro per tutta la vita e sei pieno di gelosia. Se prendi un momento per incuriosirti su cosa potrebbe dirti questa emozione, potresti scoprire che anche tu sei appassionato della ricerca della scrittura. O forse sei pieno di rabbia e risentimento verso un partner. Spesso i sentimenti di risentimento sono il risultato di qualcuno che non rispetta i propri limiti, o un'indicazione che non si sta effettivamente comunicando le proprie esigenze.

3. Elaborare e sperimentare i tuoi sentimenti è parte di avere una vita piena.

Chiunque sia alle prese con un disturbo alimentare, dipendenza, maniaco del lavoro o dipendenza dal sesso può dirti che cercare costantemente di scappare dalle tue emozioni è estenuante. Quando ti concentri sull'intorpidire i tuoi sentimenti piuttosto che elaborarli e utilizzare strategie di coping in buona salute, ti impedisci di vivere una vita piena e significativa. Ferita, frustrazione, dolore, tristezza e rabbia sono tutte parti naturali e salutari dell'esperienza umana. Quando proviamo a sopprimere queste emozioni, non siamo in grado di prosperare. Parte di avere una vita piena è sentire tutte le tue emozioni, sia piacevoli che spiacevoli. È raggiante di gioia e sente che il tuo cuore è pieno di gratitudine durante alcuni momenti; sta anche vivendo il crepacuore e la delusione e lasciandosi veramente sedare da questi sentimenti.

Una parte integrante di essere in grado di affrontare le emozioni è la pratica dell'auto-compassione , che è semplicemente trattando e rispondendo a te stesso come faresti ad una persona amata che era triste o in difficoltà. Ti meriti di estendere a te stesso la stessa gentilezza che vorresti agli altri che ami. Picchiarti per sentirti triste, ansioso o spaventato spesso serve a farti sentire ancora peggio. Invece, lavora per dire cose gentili e gentili a te stesso e impegnarti in atti compassionevoli di autocura.

Sperimentare le proprie emozioni ed essere vulnerabili con le persone di cui ci si fida è un segno di vera forza, non di debolezza. In definitiva, il modo di guarire e muoversi attraverso esperienze dolorose è di far sentire . Puoi farlo scrivendo su un diario, attraverso l'artwork, parlando con un amico o cercando aiuto da un terapeuta – ci sono così tanti modi sani per elaborare le tue emozioni.

Ovviamente ci sono dei momenti (es. Se sei al lavoro o a scuola) quando non è sempre possibile elaborare i tuoi sentimenti nel momento, cioè quando puoi usare distrazioni o strategie di coping in buona salute. In seguito, è ancora importante elaborare i tuoi sentimenti quando ti trovi in ​​un posto migliore per farlo. In definitiva, ti meriti di farti provare tutte le tue emozioni e di trattarti con gentilezza e cura.

Jennifer Rollin, MSW, LGSW è una psicoterapeuta specializzata nel lavoro con adolescenti, sopravvissuti a traumi, disturbi alimentari, problemi di immagine corporea e disturbi dell'umore. Scrive anche su The Huffington Post. Jennifer offre coaching per il recupero dei disturbi alimentari tramite telefono e Skype. Guarda il suo sito web.

Solutions Collecting From Web of "3 motivi per farti sentire le tue emozioni"