3 motivi per cui le persone che si sentono nominate finiscono miserabili

bikeriderlondon/Shutterstock
Fonte: bikeriderlondon / Shutterstock

Un recente articolo ha esaminato molti studi sul diritto, che gli autori hanno riassunto come "sentimenti pervasivi e duraturi di meritevolezza per più beni, servizi o trattamenti speciali rispetto ad altri … con o senza alcun diritto guadagnato meritatamente a tali benefici".

Senza dubbio tutti conosciamo persone che si adattano a questa descrizione: lo studente che si aspetta un buon voto senza impegnarsi; l'amico che si aspetta sempre che tu sia disponibile ma non è mai lì per te; il membro della famiglia che si aspetta di essere aspettato da tutti gli altri.

L'articolo propone tre problemi principali con un senso esagerato di diritto:

  1. Il diritto porta inevitabilmente alla delusione.

    Quando una persona si aspetta che tutto vada per il verso giusto (indipendentemente dallo sforzo che investe), è destinato a rimanere deluso. Ad esempio, è più probabile che gli studenti con alto grado di essere delusi dai loro voti. Inoltre, essere eccessivamente autorizzato porta a relazioni interrotte, in parte perché il diritto è legato a standard eccessivamente elevati per gli altri.

  2. La delusione porta alla sofferenza.

    Quando le aspettative irrealistiche di una persona eccessivamente intitolata non vengono soddisfatte, la delusione risultante spesso porta alla rabbia e al risentimento. Queste reazioni emotive tendono a danneggiare le relazioni, sia con un insegnante, un capo, un familiare, un partner romantico o altro. Come notano gli autori, nemmeno Dio ottiene un lasciapassare quando vengono violate le aspettative di diritto. Tra coloro che hanno un forte senso del diritto, la sofferenza personale può condurre a "ostilità e frustrazione" verso Dio.

  3. Gli sforzi di autoprotezione mantengono il diritto.

    La delusione può minacciare l'ego di una persona altamente autorizzata suggerendo che dopotutto non è così speciale. Per proteggere il loro ego, è probabile che la persona incolpi gli altri per la delusione, il che rafforza il loro senso di diritto. Ad esempio, come notano gli autori dello studio, una persona altamente autorizzata licenziata per scarse prestazioni lavorative può biasimare il suo capo, dicendo che era minacciato dalle sue capacità superiori. Quindi, ciò che potrebbe essere un'esperienza correttiva rafforza in realtà il senso di specialezza.

Gli autori dello studio non sono eccessivamente ottimisti sul fatto che questa caratteristica possa essere cambiata, anche se discutono brevemente dei modi in cui la terapia potrebbe essere indirizzata al diritto. Suggeriscono che un terapeuta potrebbe esplorare come una persona interpreta le aspettative che non sono soddisfatte.

Mentre è facile vedere il diritto eccessivo degli altri, può essere più difficile vedere versioni più sfumate in noi stessi. La maggior parte di noi si aspetta che la vita sia giusta, che la nostra macchina non si rompa, che avremo un reddito costante e cure sanitarie a basso costo, e che saremo in salute e vivremo fino a quando non avremo 90 anni Mentre possiamo sperare in queste cose, nessuno di questi desideri è garantito.

Una volta ho trattato una donna che ha avuto una terribile crisi medica nel bel mezzo del suo trattamento. Lo ha attraversato con un profondo apprezzamento per tutte le successive esperienze. Descrisse di essere grata persino di sperimentare una dolorosa procedura medica, perché sapeva che aveva quasi raggiunto la fine di tutte le esperienze in questa vita. Quando crediamo che la vita non ci deve nulla, abbiamo infinite opportunità di provare gratitudine, anche nel mezzo del dolore e della delusione.

Trovami su twitter: @sethgillihan.