3 modi che i tuoi istinti romantici possono guidarti

racorn/Shutterstock
Fonte: racorn / Shutterstock

Quando si tratta di appuntamenti, ci viene spesso detto che dovremmo fidarci del nostro istinto : se sembra giusto, provaci, e se provi un brutto presentimento da parte di qualcuno, mantieniti alla larga.

Questi istinti possono certamente essere utili a volte, ma sono anche soggetti a una serie di pregiudizi che possono portarci a fidarsi delle persone sbagliate e ignorare quelli giusti.

Qui ci sono solo 3 modi in cui il nostro istinto romantico può portarci fuori strada.

1. Vediamo le persone anziane in nuove persone.

Hai mai incontrato qualcuno e sentito calore e affetto verso di loro, solo per rendersi conto in seguito che lui o lei ti ricorda uno dei tuoi migliori amici? O hai ricevuto inspiegabilmente vibrazioni negative da qualcuno e poi hai notato che lui o lei capita di condividere certi (noiosi) manierismi con la tua ex? Il fatto è che molte volte non notiamo consapevolmente queste somiglianze, ma comunque modellano le nostre percezioni e comportamenti.

Questo fenomeno è chiamato transfert e non è limitato a un contesto psicoanalitico: la ricerca suggerisce che si tratta di un'esperienza comune nella vita di tutti i giorni e che può verificarsi in una serie di relazioni.

In una serie di esperimenti intelligenti, i ricercatori hanno manipolato il transfert introducendo i partecipanti a una nuova persona sconosciuta che in qualche modo sottile assomigliava a una persona significativa nella vita dei partecipanti. Hanno scoperto che i partecipanti tendevano a percepire la persona sconosciuta attraverso la lente della persona conosciuta, attribuendo a tutti i tratti e le motivazioni della persona conosciuta, tutti senza consapevolezza cosciente di questa connessione. Inoltre, i sentimenti, le aspettative e i comportamenti dei partecipanti in relazione alla nuova persona spesso rispecchiavano quelli che avevano sperimentato con la persona conosciuta.

In altre parole, i nostri istinti riguardo alle nuove persone sono spesso influenzati dalla loro somiglianza accidentale con altre persone nelle nostre vite. Il nostro desiderio di riempire gli spazi vuoti e rendere i nostri mondi sociali più prevedibili, sebbene utili a volte, può anche rendere difficile vedere nuove persone per quello che sono realmente. Di conseguenza, potremmo trovarci attratti dalle persone per le ragioni sbagliate, in particolare perché attribuiamo loro delle qualità positive che in realtà non possiedono. Allo stesso modo, potremmo sentirci respinti da persone che in realtà non sono colpevoli di nessuno dei reati che associamo a loro.

2. Alcuni dei nostri istinti sono bloccati nel passato (evolutivo).

I sentimenti istintivi non sono solo influenzati dalle relazioni passate, sono anche influenzati dal nostro passato evolutivo. Gli psicologi evoluzionisti hanno trovato prove che suggeriscono che l'attrazione nell'uomo moderno è modellata da fattori che possono aver aiutato i nostri antenati cacciatori-raccoglitori, ma hanno poca influenza su ciò che rende una relazione soddisfacente nella vita moderna.

Ad esempio, la ricerca mostra che le donne tendono ad essere attratte da uomini socialmente dominanti e dall'aspetto maschile durante l'ovulazione e da uomini meno dominanti e meno maschili nei periodi meno fertili del loro ciclo. Alcuni hanno ipotizzato che questo modello di attrazione si sia evoluto come una duplice strategia di accoppiamento in cui le donne si riproducono con uomini socialmente dominanti (che presumibilmente hanno buoni geni) ma si stabiliscono con tipi orientati all'impegno (chi può essere fidato di fermarsi e aiutare i bambini) .

Sostenendo questa ipotesi, la ricerca suggerisce che le donne hanno maggiori probabilità di fantasticare e di impegnarsi in relazioni extraconiugali con uomini più maschili durante l'ovulazione. Inutile dire che seguire questi tipi di istinti romantici non è probabilmente consigliabile nei tempi moderni.

Si crede che gli uomini abbiano sviluppato una preferenza istintiva per le donne più giovani, perché tali partnership possono aumentare la probabilità di trasmettere i loro geni. Nella misura in cui questi istinti di ricerca dei giovani vengono seguiti ciecamente, tuttavia, possono offuscare la considerazione dei fattori che possono rivelarsi più rilevanti per una soddisfazione duratura delle relazioni, non ultimo dei quali è la similarità in età.

È importante notare che quando le persone sperimentano questi tipi di istinti romantici, non sono in genere consapevoli del perché li stanno vivendo. Le donne non pensano coscientemente: "Sto ovulando, quindi dovrei probabilmente collegarmi con quel tipo dall'aspetto maschile e ingannare mio marito facendogli credere che sia suo", e gli uomini non pensano: "Wow, quella donna sembra davvero fertile oggi! "Piuttosto, queste preferenze istintuali hanno più probabilità di essere vissute come sentimenti generali di attrazione e di chimica – il tipo di sentimenti che tendiamo ad assumere deve riflettere i nostri veri desideri.

3. I giudizi automatici sono spesso pregiudizievoli.

Forse il modo più distruttivo con cui i nostri istinti ci possono fuorviare è la loro associazione con pregiudizi e discriminazioni.

Decenni di ricerche sui processi intergruppi hanno dimostrato che le nostre reazioni a persone di diversi gruppi etnici o razziali sono guidate in larga misura da processi automatici , processi che avvengono al di fuori della consapevolezza cosciente.

Ad esempio, uno studio ha scoperto che gli europei americani erano più propensi ad attribuire intenzioni ostili allo stesso comportamento ambiguo se lo associavano agli afro-americani rispetto agli europei-americani. Altri studi hanno dimostrato che i partecipanti a una simulazione di videogiochi avevano più probabilità di sparare per errore a un bersaglio disarmato – e più velocemente a sparare a un bersaglio armato – se l'obiettivo era afro-americano contro europeo-americano. Questi pregiudizi possono essere visti anche a livello neurologico: quando si guardano visi di altre razze, le persone tendono a mostrare una maggiore attivazione dell'amigdala, una parte del cervello responsabile dell'elaborazione della minaccia.

Per molte persone, il pregiudizio razziale non è guidato da intenzioni malevole, ma piuttosto da stereotipi profondamente radicati su diversi gruppi. Una vita intera di esposizione a stereotipi negativi può condizionare le risposte di paura delle persone e renderle meno fiduciose verso gli altri, e questa sfiducia può interferire con lo sviluppo di amicizie e relazioni romantiche tra gruppi.

Come altre forme di pregiudizio, il pregiudizio automatico non è tipicamente consciamente sperimentato come tale. Piuttosto, può essere vissuto come un vago sentimento negativo nei confronti di qualcuno, qualcosa su cui non riesci a capire bene. Poiché la fonte di questo sentimento spesso non è coscientemente accessibile, può essere difficile riconoscere che si tratta di una forma di pregiudizio (vale a dire, sembra una valutazione accurata), rendendolo ancora più potente.

La lezione qui è che non possiamo sempre fidarci del nostro istinto sugli altri, specialmente quando stiamo valutando i membri di altri gruppi, dal momento che è possibile che il pregiudizio automatico stia giocando un ruolo nel dare forma ai nostri giudizi. Diventando più consapevoli del potenziale per i nostri istinti di essere prevenuti, possiamo scegliere consapevolmente di non ascoltarli ciecamente e invece cercare di adottare un approccio più aperto e fiducioso, uno che si configura come il vedere individui come individui piuttosto che semplici rappresentanti di gruppo. .

Insomma, gli istinti potrebbero essersi evoluti per proteggerci dal pericolo percepito e aumentare le nostre probabilità di successo nel tramandare i nostri geni, ma il contesto in cui si sono evoluti è molto diverso dal mondo in cui viviamo, dove le cose che vogliamo nel nostro le vite tendono ad estendersi ben oltre ciò che era desiderabile, o possibile, per i nostri antenati. Gli istinti non sono inutili, ma sono spesso molto meno significativi di quanto si sentano.

Copyright Juliana Breines, Ph.D.

Solutions Collecting From Web of "3 modi che i tuoi istinti romantici possono guidarti"