3 Miti sui disordini dell'alimentazione smascherati

In onore della National Awareness Conscious Week, questo post del blog di questo mese è dedicato alla discussione breve di tre idee sbagliate comuni sui disturbi alimentari (ED) e, auspicabilmente, alla sensibilizzazione su questi disturbi più in generale. I disturbi alimentari possono essere malattie devastanti, ma con l'aiuto, il recupero è possibile . Se stai lottando con i sintomi di un disturbo alimentare, rivolgiti a qualcuno di cui ti fidi e considera il trattamento. Se conosci qualcuno che mostra segni di un disturbo alimentare, prendi in considerazione di farti sapere che ti preoccupi e incoraggiarli a cercare aiuto. Le informazioni di contatto per l'assistenza anonima dell'Associazione Nazionale dei Disturbi del Cibo (NEDA) sono elencate in fondo a questo articolo.

I disturbi alimentari sono una moda passeggera

Yogurt surgelato, telai ad arcobaleno e la frase "YOLO" sembrano improvvisamente emergere sulla scena, attirare un seguito enorme e perdere tempo nel tempo. Alcune persone pensano che gli ED rientrino anche in questa categoria: sono fasi temporanee che alcune persone attraversano, principalmente durante la loro adolescenza. Sebbene l'insorgenza degli ED spesso tende a verificarsi durante l'adolescenza e la giovane età adulta, questi disturbi non sono manie. Diete e strategie di esercizi estremi possono assomigliare più strettamente alle mode, da cui il termine "diete" dato a molti piani di perdita di peso restrittivi (o strani) e insostenibili. Al contrario, alcuni individui lottano con i DE per mesi, anni o anche per un'intera vita se non ricevono e si impegnano in un trattamento efficace.

Tuttavia, non è solo la cornice temporale che separa gli ED dalle mode passeggere; vale anche la pena considerare i costi associati a ciascuno. Qualcuno potrebbe spostarsi per visitare un camion di cibo popolare o passare troppo tempo a giocare a Angry Birds, ma pochi individui si isoleranno dalle persone e dalle cose che amano di più, rischiano gravi conseguenze sulla salute fisica o nascondono il loro comportamento agli altri tutto ciò che potrebbe essere visto in un individuo con un ED-solo per una moda passeggera.

Le persone con disturbi alimentari sono sempre magre

Gli individui che lottano con gli ED arrivano in tutte le forme e dimensioni. Oltre all'anoressia nervosa (che per la sua diagnosi richiede un peso ridotto), ci sono altri due ED-bulimia nervosa (che comporta abbuffate e comportamenti compensativi malsani come vomito, uso lassativo o esercizio eccessivo) e disturbo da alimentazione incontrollata (che comporta binge eating senza comportamenti compensatori) e nessuna di queste diagnosi si basa sul peso corporeo. Ciò che è più significativo di un ED è la relazione di qualcuno con il cibo e con la sua immagine corporea.

I disturbi alimentari non si verificano tra ragazzi e uomini

Molte persone pensano che gli ED si verificano esclusivamente tra le donne, ma non è questo il caso. Sebbene la prevalenza nel corso della vita sia inferiore a quella che si riscontra tra le donne (0,9 per cento, 1,5 per cento e 3,5 per cento), le stime di prevalenza una tantum per gli uomini sono dello 0,3 percento, 0,5 percento e 2 percento per anoressia nervosa, bulimia nervosa e disturbo da alimentazione incontrollata (secondo il DSM-IV), rispettivamente (Hudson, Hiripi, Pope, & Kessler, 2007). Ciò indica che i maschi hanno più probabilità di essere diagnosticati con bulimia nervosa dell'anoressia nervosa e più probabilità di essere diagnosticati con disturbo da alimentazione incontrollata rispetto ad altre diagnosi, una tendenza simile a quella che si vede tra le donne.

Oltre a queste riconosciute diagnosi di DE, i ricercatori hanno osservato in alcuni uomini (e in alcuni atleti di sesso femminile) una preoccupazione per la percezione che non si è abbastanza muscolosi, definiti "dismorfismi muscolari", il che può portare alcuni individui a fare di tutto per ottenere muscolo. In uno studio del 2014, gli uomini con dismorfismi muscolari hanno riferito significativi sintomi ossessivo-compulsivi riguardo a questo problema e più frequentemente hanno riferito di aver evitato di mostrare i loro corpi per timore di essere troppo piccoli ed evitare attività per allenarsi in palestra (Olivardia, Papa , & Hudson, 2000). Gli uomini con questo problema avevano anche più probabilità di avere o avere un ED così come la depressione e un disturbo d'ansia – entrambe le comorbilità comuni tra quelli con ED.

Infine, per un po 'di ispirazione:

" Ho finalmente riconosciuto il mio corpo per quello che è: un sistema di consegna della personalità, progettato espressamente per trasportare il mio personaggio da un posto all'altro. "- Anna Quindlen

Informazioni di contatto per l'assistenza NEDA:

1 (800) 931-2237

Puoi anche chattare online visitando: http://nedawareness.org/get-help/helpline o email info@nationaleatingdisorders.org

Riferimenti:

Hudson, JI, Hiripi, E., Pope, HG, Jr., & Kessler, RC (2007). La prevalenza e le correlazioni dei disturbi alimentari nella National Survey Comorbidity Replication. Biol Psychiatry, 61 (3), 348-358.

Olivardia, R., Pope, HG, Jr., e Hudson, JI (2000). Dismorfina muscolare nei sollevatori di pesi maschili: uno studio caso-controllo. Am J Psychiatry, 157 (8), 1291-1296.

L'apprezzamento è esteso a Susan Murray per aver redatto questo post.

La dott.ssa Nicole Avena è una ricercatrice neuroscienziata, autrice ed esperta nei campi dell'alimentazione, della dieta e della dipendenza. Ha ricevuto un dottorato di ricerca in Neuroscienze e Psicologia all'Università di Princeton, seguito da una borsa post-dottorato in biologia molecolare presso la Rockefeller University di New York City. Ha pubblicato oltre 70 articoli di riviste accademiche, oltre a numerosi capitoli e libri di libri, su argomenti legati al cibo, alle dipendenze, all'obesità e ai disturbi alimentari. Ha anche curato i libri, Animal Models of Eating Disorders (2012) e Hedonic Eating (2015), co-autore del popolare libro di cibo e dipendenza chiamato Why Diets Fail (Ten Speed ​​Press), e di recente ha terminato il suo nuovo libro, What to Eat When Sei incinta I suoi risultati di ricerca sono stati premiati da diversi gruppi, tra cui l'Accademia delle scienze di New York, l'American Psychological Association, l'Istituto nazionale di tossicodipendenza, e la sua ricerca è stata finanziata dal National Institute of Health (NIH) e dai National Eating Disorders Associazione.

Sito Web: http://www.drnicoleavena.com/

Twitter: https://twitter.com/DrNicoleAvena

Facebook: http://www.facebook.com/DrNicoleAvena

Solutions Collecting From Web of "3 Miti sui disordini dell'alimentazione smascherati"