21 cose che avrebbero dovuto dirci alla laurea

Pixabay
Fonte: Pixabay

L'educazione che riceviamo ci prepara a malapena alle sfide che ci attendono. Questo è quello che avremmo dovuto dire al diploma invece di tutte le banalità mal riposte e autocelebrative.

1. Abbiamo cercato di darti la migliore educazione. Ma qual è la migliore educazione? La migliore educazione non è quella che ti permette di vivere bene, e nemmeno quello che ti permette di dare un contributo sociale, ma quello che ti abilita sulla via della libertà e dell'individuazione, e che, a più lungo termine, porta a la vita più piena e il maggior contributo sociale.

2. Chiedi sempre un sacco di consigli, ma solo da persone che ammiri o cerchi di emulare. Meglio di tutto, cerca consigli da grandi opere di letteratura e filosofia. Shakespeare e Platone sono molto più saggi di chiunque tu abbia mai incontrato.

3. D'altro canto, non esporre i consigli a meno che non sia stato chiesto espressamente.

4. Continuate a fare domande 'sciocche'. Le persone potrebbero guardarti in modo divertente, ma almeno hai pensato alle domande.

5. Sii molto sensibile ai tuoi sentimenti e alle tue intuizioni. Sono coscienti del tuo inconscio. E hanno quasi sempre ragione.

6. Non essere invidioso. Ogni volta che incontri qualcuno che è migliore o più di successo di te, puoi reagire con l'invidia o con l'emulazione. L'invidia è il dolore che senti perché gli altri hanno cose buone; l'emulazione è il dolore che provi perché tu stesso non li hai. Questa è una differenza sottile ma fondamentale. Diversamente dall'invidia, che nella peggiore delle ipotesi è inutile e controproducente nel peggiore dei casi, l'emulazione è una buona cosa perché ci fa prendere dei provvedimenti per assicurarsi le cose buone.

7. Fai amicizia con le persone che ti tirano su piuttosto che trascinarti giù. È meglio insegnare che insegnare, e meglio essere consolati che consolare. Alla lunga, diventi proprio come i tuoi amici. Sei i tuoi amici.

8. Non entrare mai in una relazione perché sei annoiato, solo o insicuro, o perché la società ti aspetta. Le cose andranno molto male.

9. Lo stesso vale anche per avere figli.

10. Non aspettarti di trovare l'amore perfetto, la perfetta virtù o la saggezza perfetta in questo mondo. Queste cose semplicemente non esistono nelle loro forme idealizzate o, almeno, non al di fuori della nostra immaginazione.

11. Data la scelta tra ridere e piangere, vai a ridere se puoi. E se non puoi, diventa un filosofo.

12. Tutto quanto sopra richiede molta fiducia in se stessi. Cerca di coltivarlo: viene con l'abitudine. Ed è incredibilmente attraente.

13. Il corollario qui è: non aver mai paura. O almeno, non sembra mai avere paura. La paura è una calamita per sfortuna.

14. Se non sembra voler qualcosa, è molto più probabile che lo ottenga. Ancora più importante, quando vuoi qualcosa, assicurati che sia degno di te. E ricorda: siamo ricchi non solo di ciò che abbiamo, ma anche e soprattutto di ciò che non facciamo.

15. Non arrabbiarti mai. Proprio come la paura, la rabbia è un'emozione superflua che fa molto più male che bene. La maggior parte delle azioni di una persona e l'attività neurologica a cui corrispondono sono determinate dagli eventi passati e dagli effetti cumulativi di quegli eventi passati sui modelli di pensiero di quella persona. Ne consegue che l'unica persona che può davvero meritare la tua rabbia è colui che ti ha sputato liberamente, e quindi probabilmente giustamente! Ciò non significa che la rabbia non sia giustificata in altri casi, in quanto una manifestazione di rabbia – anche se immeritata – può ancora servire a uno scopo strategico benevolo. Ma se tutto ciò che è richiesto è una dimostrazione strategica di rabbia, allora la vera rabbia che comporta il dolore reale è del tutto superflua.

16. L'uomo è sia un prodotto che una vittima del mondo in cui vive. Raramente sceglie attivamente di sopportare le cose che fa. Semplicemente essere consapevoli di questo fatto può aiutare ad aumentare i tuoi gradi di libertà, e ci vuole solo un'azione gratuita per cambiare il corso di un'intera vita.

17. Trova qualunque cosa tu ami e continui, indipendentemente da ciò che gli altri potrebbero pensare. Non sentirai il lavoro. E probabile che sarai molto bravo a farlo.

18. Evita di lavorare per altre persone o, peggio, per società senza volto. Non è psicologicamente sano. E non è un gioco che vincerai mai.

19. Pensa a lungo termine e abbi molta pazienza. La principale differenza tra ricchi e poveri è che i ricchi hanno fatto un piano e sono rimasti fedeli ad esso.

20. Quando trovi successo o, meglio ancora, felicità, non aspettarti che qualcuno sia contento per te. In effetti, molte persone ti risentiranno attivamente, anche a volte, amici e familiari. Alcune persone sono piccole. Basta accettarlo come garanzia e andare avanti.

21. A meno che il tuo lavoro non sia la tua passione, lavori per vivere e non viceversa. Spendi almeno la metà delle tue ore di veglia semplicemente godendoti nel mondo che ti circonda. Non dimenticare mai che la nostra coscienza e i suoi oggetti sono il più grande dono di tutti.

Neel Burton è autore di The Art of Failure e di altri libri.

Trova Neel su Twitter e Facebook

Solutions Collecting From Web of "21 cose che avrebbero dovuto dirci alla laurea"