2011: tempo per l'impegno o la felicità sul lavoro?

Il nuovo anno è un momento di riflessione, di cercare di pensare a cosa renderebbe la vita migliore sia a casa che al lavoro. Di cercare di costruire la nostra felicità generale con la vita.

Ma al lavoro non è così semplice. La felicità in molte culture non è un concetto OK e invece organizzazioni e capi parlano di impegno.

Pensiamoci su.

La parola è stata originariamente adottata in un contesto lavorativo perché è utilizzata in ambito militare. Dopotutto ti "ingaggi" con il nemico. E un aggancio è tipicamente usato per descrivere una schermaglia – o una battaglia su piccola scala. Insieme alle campagne, alle tattiche, all'essere in prima linea, alla strategia e all'essere fuori nel campo per nominare alcune altre cose.

Proprio quello che vuoi per lavoro. Sì, sto ironizzando.

Poi c'è il problema di ciò che capisci con le parole "felicità" e "impegno". Nessuno doveva insegnarti cosa significava il primo perché ci pensavi da quando eri piccolo. Questo perché la felicità è un driver fondamentale delle scelte più importanti. Prima di prendere una decisione importante, fai il check-in per valutare "lo farò più felice o meno felice". E questo vale per tutti i maggiori investimenti che farai mai, incluso accettare un lavoro, formare una nuova relazione o acquistare una casa: la tua felicità sicuramente informerà la tua decisione di lasciare qualsiasi posto di lavoro.

Ma inizi a pensare all'impegno solo quando ottieni il tuo primo lavoro e lavori nella tua prima organizzazione. Qualcuno interpreta cosa significa in quel posto di lavoro specifico e quindi probabilmente ti verrà chiesto o richiesto di completare un sondaggio di coinvolgimento. Non dimentichiamo che il fidanzamento è un concetto creato e promosso da Baby Boomers, che come una generazione, non ha davvero fatto i conti con l'emozione di un pilota.

Eppure è giunto il momento per noi di fare proprio questo. Accettare quell'emozione e sentirsi particolarmente bene – ed essere felici – guidare il processo decisionale. Ecco come si gioca nella realtà.

Un amministratore delegato di un'organizzazione globale che impiega 25.000 persone mi ha detto che prende importanti decisioni di investimento "sulla base del fatto che mi ritenga felice. Guardo i dati, vedo cosa dice e se la mia decisione si sente giusta al mattino e sono ancora felice al riguardo quando mi sveglio, allora è quello che farò. È così che decido se investire qualcosa per un paio di milioni di dollari. Chiunque ti dica che il loro processo decisionale è solo basato sui dati, si sta semplicemente illudendo. "

Quindi lavoriamo segretamente con sentirsi felici; che ne dici di far apparire questo? Per fare un passo oltre l'impegno, che, a proposito, non è una brutta cosa. È solo che abbiamo qualcosa di meglio, qualcosa che secondo la nostra ricerca, sembra essere più significativo per la maggior parte dei dipendenti e meglio connesso alle prestazioni. E questo ha senso quando ci pensi letteralmente; vuoi soddisfazione, impegno o essere felice al lavoro? A proposito, mi piacerebbe saperlo, quindi per favore pubblica ciò che pensi.

O ti senti davvero a disagio con la parola H?

Ecco la mia sfida: quando andresti a casa e dirai al tuo partner "tesoro, ho un problema di fidanzamento?" Sembra assurdo no? In realtà diresti "Non sono felice". Ma anche se i Baby Boomers – i nostri capi – non avessero davvero il permesso di avere emozioni sul posto di lavoro, Gen Y-ers o Millenials stanno entrando nel posto di lavoro. E non hanno paura di pensare ed esprimere le loro emozioni. Stanno bene parlando di felicità. Quindi il resto di noi ha bisogno di ottenere anche l'immagine della felicità.

Perché la felicità sul lavoro aumenta le prestazioni e la produttività in un modo in cui l'impegno semplicemente non può. Possiamo vederlo dalla nostra ricerca.

Se vuoi saperne di più o partecipare a quello che stiamo facendo, vieni a trovare il nostro gruppo LinkedIn.

http://www.linkedin.com/groups?mostPopular=&gid=2814985

Spero che il 2011 sia un anno molto felice per tutti voi.

Solutions Collecting From Web of "2011: tempo per l'impegno o la felicità sul lavoro?"