20/20 Hindsight e come evitare rimpianti

Dennis Stamatoiu/FreeImages
Fonte: Dennis Stamatoiu / FreeImages

Penso che ti piacerà questo post ospite dall'insegnante di meditazione e autore Mark Coleman. È un estratto dal suo nuovo libro "Fai pace con la tua mente: come la consapevolezza e la compassione possono liberarti dal tuo critico interiore".

Conosci il tuo critico interiore, quella voce che ti fa sentire in secondo piano le tue decisioni dicendo "non abbastanza", "non abbastanza buono" o talvolta "troppo". Non è così invincibile come sembra. Continua a leggere.

20/20 HINDSIGHT

Quante volte hai fatto un piano, o sei stato travolto da un acquisto d'impulso o da un acquisto stravagante, poi hai vissuto per pentirti della decisione? C'è una ragione per l'espressione "il rimorso del compratore". Che dire di tutte le cose che hai detto ai tuoi cari nel calore del momento in cui vorresti riprenderti? Hai avuto relazioni tra adolescenti o anni venti e più tardi ti chiedi come avresti potuto uscire con quella persona? A volte guardi il tuo calendario e ti penti di prenotare così solido e di dire di sì a tutti quei progetti?

Chi non ha preso una decisione e dopo avrebbe desiderato che avessero fatto qualcosa di diverso? Sembra essere parte della vita. È già abbastanza brutto sentire di aver preso una decisione sbagliata. Per quanto sia pessimo, è ancora peggio quando il tuo critico non ti lascia dimenticare di essere "incasinato" perché ti sei trasferito in una società che è svenuta, scommetti su un capitale perdente o scegli una persona pazza fino ad oggi. Da quanto tempo il tuo critico ti ha rimproverato per le decisioni che hai preso anni fa? Quante sofferenze inutili ha causato?

Il rimpianto è uno dei posti più difficili nella mia psiche. Il mio critico è stato piuttosto esplicito riguardo a tutte le decisioni presumibilmente errate che ho preso in passato, il che rende più difficile prendere una decisione chiara senza temere l'ira della critica. "Che cosa succede se faccio la scelta sbagliata?" Sento dire la mia mente in previsione di un imminente dilemma.

Come molti che hanno dedicato la propria vita al lavoro interiore spirituale e non tanto al fare soldi, sono stato bruciato alcune volte nei miei tentativi di investimento in qualche modo amatoriale. Una volta nel crack delle dot-com nel 2000, e di nuovo nel crollo immobiliare nel 2008. Prevedibilmente, il mio critico ha qualcosa da dire sulla mia relazione con il denaro – che non mi si può fidare di quel dipartimento. (Da quel momento, per lo più, ho lasciato che gli altri con più esperienza e competenza in materia finanziaria investissero per me!)

IL CRITICO È SEMPRE GIUSTO?

Potresti dire che il critico ha un punto valido, dati i miei tentativi non redditizi di investire. Il problema, tuttavia, è ciò che è implicito nella sua critica: vergogna, senso di colpa e la valutazione che sono un fallimento con il denaro e, per estensione, tutto il resto. La sfida degli attacchi del critico è l'eredità emotiva che lasciano dietro di sé, come la paura e la paralisi quando si tratta di fare delle scelte e un senso di inadeguatezza.

Dal momento che il critico ha sempre l'ingiusto vantaggio della visione 20/20, è facile per lui esprimere giudizi sulle scelte del passato riguardanti denaro, carriera o relazioni. Non è difficile, a ben vedere, dire cosa si dovrebbe o non si dovrebbe fare, quale sarebbe stata una scelta più intelligente per una relazione, un nuovo lavoro, un investimento o un'auto di seconda mano.

Il senno di poi ci dà la prospettiva che non abbiamo quando prendiamo una decisione. Ed è inutile, se non addirittura ingiusto, incolpare noi stessi con il senno di poi. Imparare dagli errori del passato è, ovviamente, necessario. Ma il gioco della colpa e della vergogna è inutile e inutile.

A volte il critico pensa che se ci rimprovera abbastanza, non faremo più lo stesso errore. Nella mia esperienza questo è raramente vero. Non importa quanto il critico mi giudichi per le mosse che ho fatto in passato, non aiuta la prossima decisione. In effetti, i giudizi della critica rendono più difficile prendere buone decisioni in futuro perché offuscano il nostro modo di pensare con la paura e la disperazione del processo decisionale.

Non c'è necessariamente una decisione giusta o sbagliata. Ciò che sembra una cosa buona in un momento può essere una cosa negativa da un'altra prospettiva e viceversa. Usare il DDT per sradicare la malaria negli Stati Uniti sembrava una buona idea in quel momento. Ma ora conosciamo l'impatto della sua ricaduta tossica. Ha quasi cancellato molte specie di uccelli, tra cui l'aquila calva. Dal punto di osservazione di oggi, possiamo vedere che era un'idea miope.

È anche importante ricordare che cerchiamo di fare il meglio che possiamo con le informazioni e le risorse a portata di mano. Questo è vero per ogni decisione che abbiamo mai preso, non importa quanto sia stato male. Se avessimo potuto fare meglio, lo avremmo fatto. Non aiuta a colpire noi stessi per non sapere meglio; dobbiamo darci il beneficio del dubbio. Comprenderlo è molto liberatorio; ci libera dal tormento della recriminazione.

GOTTA LET GO

La capacità di lasciarsi andare aiuta anche a mitigare la forza del critico, che, come altri aspetti dell'ego, vuole e ha bisogno di controllo. Ritiene che se può controllare le cose, può gestire le situazioni in modo da ottenere ciò di cui abbiamo bisogno ed evitare ciò che minaccia. Tuttavia, ci sono troppi fattori al di fuori del nostro controllo per sapere con certezza in che direzione andrà il mercato azionario o immobiliare o come si potrebbe sviluppare una relazione. Sì, potremmo fare di meglio e fare scelte migliori se avessimo una sfera di cristallo, ma non abbiamo quel lusso.

Invece la vita richiede che mettiamo il nostro palo nel terreno, facciamo la nostra scelta e facciamo del nostro meglio per soddisfare qualsiasi cosa accada realmente. Certo, vorremmo un risultato particolare, ma non abbiamo bisogno di castigare noi stessi quando le cose non vanno a modo nostro. Idealmente, pratichiamo di abbandonare il tentativo di controllare esperienze, situazioni e persone, perché ci rendiamo conto che non è mai possibile in ogni caso. Confidiamo nel fatto che abbiamo preso la migliore decisione possibile in quel momento, vediamo cosa succede e impariamo. E se necessario, lasciamo andare.

Book cover used with permission of the publisher.
Fonte: copertina del libro utilizzata con il permesso dell'editore.

È importante sottolineare che i rimpianti derivanti dal senno del 20/20 non sono facili da usare. Sono spiacevoli e peggiorati dalla nostra avversione per il sentimento e il ricordo che lo innescano. L'esperienza è sentita come una pesantezza nel corpo. Nella mente possiamo sentirlo come nebbia e un fiume di pensieri auto-giudicanti. Emotivamente, potremmo notarlo come una contrazione nel nostro cuore.

La sfida con un'esperienza difficile come il rimpianto è avere il coraggio di avvicinare la nostra attenzione e sentirla, senza lo strato aggiuntivo di auto-rimprovero. Quando possiamo arrivare alla radice del rimpianto e separare il critico dall'esperienza, impariamo appieno dalle nostre azioni. Quindi possiamo avere un vero rimorso, dove vediamo l'errore dei nostri modi e formiamo l'intenzione di non percorrere più la stessa strada. Ciò porta una libertà che non è trascinata dal peso di castigare noi stessi.

  • Questo era un post di Mark Coleman, l'autore di Make Peace with Your Mind e Awake in the Wild. È il fondatore del Mindfulness Institute e ha un master in psicologia clinica. Mark ha guidato gli studenti nei cinque continenti come consulente aziendale, consulente, insegnante di meditazione e guida sulla natura selvaggia. Visitalo online.
  • Tratto da Fai pace con la mente. Copyright © 2016 di Mark Coleman. Stampato con il permesso della New World Library.

Copyright (c) 2017 di Susan K. Perry, autrice di Kylie's Heel.

Solutions Collecting From Web of "20/20 Hindsight e come evitare rimpianti"