2 chiavi per conquistare gli scenari peggiori

Catastrophe-Tornado/Flickr
Fonte: Catastrophe-Tornado / Flickr

Siamo tutti dotati – o meglio, maledetti – di immaginazioni sufficientemente vivaci da rendere orribilmente reali le possibili catastrofi future. Quindi, come puoi contrastare efficacemente questa tendenza universale a tale tortura?

Senza dubbio, non è semplicemente tentando di cancellare queste fantasie negative. Per quella strategia funziona così come coscientemente cercando di non immaginare un elefante rosa. Semplicemente, cercare di cancellare ciò che hai già evocato è sorprendente.

Quindi quali sono le tue alternative? Qui ci sono due cardini:

1. Dì a te stesso: "che non sarebbe ancora la fine della linea" (sebbene nella tua immaginazione possa certamente sentirsi in quel modo).

È stato detto che l'unico modo per uscire da vari pantani mentali o emotivi è attraversarli. Per realisticamente, potresti non essere in grado di alzarti sopra di loro o (cercando un terreno più sicuro) di nascosto sotto di loro. Lo stesso vale per gli scenari peggiori. Quando emergono, letteralmente "ti implorano" di prestare maggiore attenzione a loro. Eppure, proprio perché sono così spaventosi, è estremamente allettante ignorarli. Ma, come già suggerito, questo non funzionerà molto bene, perché è probabile che ricevano periodicamente "vampate di calore" che ti molestano costantemente con la loro presenza.

Allora, esattamente come ti occupi di ciò che si rifiuta di lasciarti in pace?

Andando oltre ciò che, almeno in modo subliminale, continua a tormentare, in genere è necessario confrontarlo direttamente. Devi esplorare quello che faresti se in realtà le tue peggiori immaginazioni diventassero realtà.

Quindi, se la tua azienda fallisse, probabilmente dovresti presentare istanza di fallimento e fare ogni sorta di aggiustamenti per far fronte adeguatamente a tale calamità. Ma il fatto è che, prima o poi, molte persone si riprendono da grandi battute d'arresto. È vero, inizialmente possono provare shock e sgomento, persino paralizzarsi per un po '. Ma nel complesso, noi esseri umani siamo una specie straordinariamente resistente, e quando siamo chiamati a farlo, alla fine capiremo come colpire il nostro pulsante di reset e ricominciare daccapo. Dall'interno o dall'esterno (ed è qui che gli amici possono essere inestimabili), siamo in grado di ascoltare il messaggio: "Anche questo passerà".

Wikimedia Commons
Fonte: Wikimedia Commons

O, per esempio, hai perso tutta la tua famiglia per qualche strano incidente. O, per evocare una contingenza ancora più remota (anche se i nostri media sempre sensazionalistici potrebbero averla pensata diversamente), attraverso qualche orribile atto terroristico. Senza dubbio sarai obbligato a sopportare un periodo di notevole rabbia, dolore e dolore. Ma – come nella vecchia sega – "la vita va avanti". A un certo punto, la grande probabilità è che tu possa scoprire un modo di ricominciare da capo. In genere, l'organismo umano sembra geneticamente equipaggiato per adattarsi a tutti i tipi di condizioni che cambiano la vita.

Il punto che sto facendo qui è che la nostra natura è "ben collegata" per sopravvivere alla maggior parte delle cose peggiori che potremmo fantasticare. E se rimani bloccato dopo una tragedia personale, un buon terapeuta può probabilmente aiutarti a risolvere ciò che potresti non essere in grado di fare da solo. Quindi, quando ti dici che se è successo qualcosa del genere, sarebbe "la tua stessa morte", devi fermarti e anche immaginare – proiettarti ulteriormente nel futuro – come col passare del tempo in qualche modo riesci a mettere i pezzi della tua vita di nuovo insieme.

In breve, nella tua mente devi andare oltre tutti gli scenari peggiori. Non farli diventare l'ultimo capitolo di alcune memorie catastroficamente immaginate, ma aggiungere un finale che trascenda un tale periodo di sofferenza, in modo che un lieto fine possa essere visualizzato nonostante qualunque grave disgrazia lo abbia preceduto.

Sicuramente, hai cambiato le cose in passato. Quindi non c'è motivo per cui non si possa trovare un modo per farlo in futuro. Ho lavorato con molti clienti che, prima nella vita, hanno sperimentato alcune delle cose più ingiuste, terrificanti o terribili che potreste immaginare. Dovendo sopportare tutti i tipi di traumi, sembravano davvero vittime del destino. Tuttavia, sfidando apparentemente tutte le leggi della probabilità, hanno scoperto modi per sopravvivere e, alla fine, prosperare. . . . E così puoi.

2. Chiediti: "quali sono le probabilità che si verifichino questi scenari peggiori?"

La tua capacità di visualizzare un disastro futuro non dice nulla sulla probabilità che si verifichi. Il problema, tuttavia, è che una volta che hai escogitato una possibilità disastrosa "reale" vedendola con gli occhi della mente, assume una certa probabilità. Quindi è necessario calcolare, nel modo più oggettivo e razionale possibile, le probabilità che si verifichi un evento così catastrofico.

Wikimedia Commons
Fonte: Wikimedia Commons

Se, ad esempio, ti prendi il tempo per indagare sulle statistiche degli incidenti aerei, alla luce del numero totale di aerei volati entro un determinato periodo di tempo, ti renderai conto che ciò di cui ti stai preoccupando è molto inferiore all'1% possibilità di accadere. E lo stesso si potrebbe dire di un aneurisma cerebrale non rilevato che conduce alla morte improvvisa; o il numero di attacchi terroristici sul suolo americano, diciamo, negli ultimi 20 anni; e così via. E sì, puoi sicuramente contrastare un controllo di realtà così non meritevole, dicendo qualcosa come "… ma le donne vengono stuprate in continuazione" o "incidenti stradali fatali (e terremoti) fanno capita. "Ma ancora una volta, chiediti:" Quali sono le probabilità? "

Se le tue dolorose fantasie, auto-sconfitte, ti scappano via, ovviamente non hai ancora imparato come tenerle sotto controllo. E una volta che mettono radici, possono diventare abbastanza difficili da sterminare. Quindi, se non puoi fare a meno di immaginare cosa succederebbe se la tua amata morisse domani, o la tua impresa (in cui hai messo tutti i tuoi risparmi di una vita) dovesse fallire, o qualche disastro naturale (come quello che hai appena visto in TV !) dovevano verificarsi nella tua zona, hai bisogno di frenare la tua immaginazione troppo attiva e prima che calpesti su di te. Ancora una volta – come il tuo mantra esistenziale – ripeti a te stesso ". . . si, ma realisticamente , quali sono le probabilità? "

Per non dire che non dovresti cercare di minimizzare quanto può essere rovinoso il bilancio se qualche disastro altamente improbabile ti colpisca. Per te quasi sempre hai la possibilità, ad esempio, di ottenere un'assicurazione sanitaria di fascia alta o una polizza che ti copra in caso di un incendio devastante, un'inondazione o un tornado. Inoltre, se necessario, c'è spesso un "Piano B" che potresti mettere in atto in anticipo. Ma è allo stesso tempo stupido e futile soffermarsi, o ossessionarsi, su contingenze così lontane.

Anche se, indubbiamente, ha senso pagare due diligence e prendere precauzioni ragionevoli per proteggersi da possibilità calamitose, una volta che hai fatto tutto il possibile per proteggerti da loro, devi accettare che alla fine nessuno di noi riesce a uscire da questa esistenza viva. Quindi è solo prudente accettare il fatto – in fondo – che voi (come tutti gli altri) rimarrete per sempre vulnerabili alle vicissitudini della vita. Dato il quadro essenziale della vita, allora, perché non prendersi la piena responsabilità della propria vita e viverla nel modo più ricco, significativo e senza paura possibile?

È stato detto innumerevoli volte che dovresti provare a controllare ciò che puoi controllare e non preoccuparti di ciò che non puoi. Quindi, una volta raggiunta questa impresa mentale, puoi iniziare a prendere in mano qualsiasi cosa il destino possa avere in serbo per te.

. . . E questo si chiama "padroneggiare la vita".

Nota 1: se risuoni in questo post e pensi che potrebbero esserlo anche gli altri, considera di inoltrare il suo link.

Nota 2: se desideri controllare altri post che ho fatto su Psychology Today online, su una vasta gamma di argomenti psicologici, fai clic qui.

© 2016 Leon F. Seltzer, Ph.D. Tutti i diritti riservati.

-Per ricevere una notifica ogni volta che pubblico qualcosa di nuovo, invito i lettori a unirsi a me su Facebook-così come su Twitter, dove, in aggiunta, puoi seguire le mie riflessioni psicologiche e filosofiche spesso non ortodosse.

Solutions Collecting From Web of "2 chiavi per conquistare gli scenari peggiori"