14 Dynamics In Healthy Relationships

By Local History & Archives, Hamilton Public Library [No restrictions], via Wikimedia Commons
Fonte: Per la storia e gli archivi locali, Biblioteca pubblica di Hamilton [Nessuna restrizione], tramite Wikimedia Commons

Sviluppare una sintesi dei principi di relazione

La letteratura sulle relazioni intime è densa, con diversi modelli consolidati e molti dati sperimentali. È difficile mettere tutto insieme. Non esiste un unico framework di over-arcing che sintetizzi elementi identificati in più modelli teorici supportati dalla ricerca.

Gli studiosi Finkel, Simpson e Eastwick (2017) hanno cercato di creare una prospettiva integrativa sulla letteratura relazionale con gli obiettivi di raffinare le teorie esistenti, generare nuove teorie e tentare di portare avanti la scienza delle relazioni fornendo un quadro che accresca la coesione e riduca il conflitto tra vari modelli. (Attenzione: ci sarà il gergo tecnico, spero che valga la pena per gente a cui piacciono le cose in chiaro inglese, anche se ho cercato di tenerlo per quello che è necessario).

Presentato qui è una sinossi del loro quadro e risultati. Gli autori rivedono la letteratura esistente, distillando quattordici principi fondamentali della funzione di relazione. I quattordici principi sono raggruppati in quattro "insiemi" (vedi sotto) in base a domande chiave di organizzazione su quali relazioni sono, come funzionano, cosa le persone apportano alle relazioni come individui e come i fattori esterni, come la cultura, influenzano le relazioni.

Gli autori incorporano più modelli e citano gli studi scientifici di supporto, attingendo alla teoria dell'attaccamento e alla teoria dell'interdipendenza come i due quadri di riferimento più influenti, oltre ad attingere alla teoria della regolazione del rischio, alla teoria dell'auto-espansione, al modello comunale / di scambio, all'interpersonale modello di processo dell'intimità e il modello di adattamento alla vulnerabilità-stress.

By Australian National Maritime Museum on The Commons (A young couple embracing on the deck of a yacht) [No restrictions], via Wikimedia Commons
Fonte: Da Australian National Maritime Museum su The Commons (Una giovane coppia che si abbraccia sul ponte di uno yacht) [Senza restrizioni], tramite Wikimedia Commons

Oltre ai risultati sperimentali, ai libri di testo e agli articoli recensiti, gli autori hanno perfezionato il loro meta-quadro con la revisione e l'input di sedici ricercatori di relazioni preminenti in psicologia. Molto di ciò che gli autori recensiscono è familiare e immediatamente rilevante. Il lavoro è chiaro e organizzato logicamente, con implicazioni pratiche. I quattordici fattori sono completi e intuitivi, spesso immediatamente rilevanti per situazioni di relazione spinosa.

I lettori possono andare alla pubblicazione originale per maggiori dettagli e riferimenti specifici. La ricerca futura potrebbe esaminare i fattori che hanno sviluppato per determinare se sono completamente indipendenti l'una dall'altra, o abbattere in meno fattori.

I fattori descritti da Finkel, Simpson ed Eastwick sono distinti l'uno dall'altro, sebbene correlati, nel modo in cui influenzano le relazioni. I quattordici principi fondamentali sono organizzati nei set sopra menzionati come segue:

  1. Cos'è una relazione? Unicità, integrazione, traiettoria
  2. Come funzionano le relazioni? Valutazione, reattività, risoluzione, manutenzione
  3. Quali tendenze portano le persone nelle loro relazioni? Predisposizione, Instrumentali ty, Standard
  4. In che modo il contesto influisce sulle relazioni? Diagnosticità, alternative, stress, cultura.

I quattordici principi fondamentali della relazione

  1. Unicità: i risultati delle relazioni dipendono non solo dalle qualità specifiche di ciascun partner, ma anche dai modelli unici che emergono quando le qualità dei partner si intersecano. Le relazioni assumono una vita propria, derivante ma in parte indipendente dalle persone coinvolte, che influenzano la soddisfazione della relazione. Ad esempio, alti livelli di impegno reciproco portano a migliori risultati di benessere. Nelle relazioni in cui una persona ha uno stile di attaccamento ansioso e l'altra persona ha uno stile evitante, è probabile che la persona ansiosa abbia difficoltà a parlare con la persona evitante di cose positive e quindi si senta insoddisfatta. Nelle relazioni in cui un parter è più nevrotico e l'altro spiacevole (due delle dimensioni della "Big Five"), la persona nevrotica è più probabile che si senta depressa durante il genitore. Molti fattori complessi si uniscono per dare ad ogni relazione il suo carattere unico.
  2. Integrazione: opportunità e motivazioni per l'interdipendenza tendono a facilitare la fusione cognitiva, affettiva, motivazionale o comportamentale tra i partner. Le persone in relazioni strette, specialmente nel tempo, tendono a unirsi insieme, perdendo un certo senso di individualità mentre la loro unione si evolve. Fattori individuali come l'autoregolamentazione e il concetto di possono cambiare, sostituiti dalla mutua regolamentazione e dal senso di identità condivisa che scaturisce dall'unicità di ogni relazione. I ricercatori hanno dimostrato, ad esempio, che quando le persone si avvicinano, tendono a pensare in termini più gratuiti dei loro partner, come le persone fanno tipicamente da sole, il che aumenta l'autostima generale della coppia attraverso una sinergia reciprocamente positiva. Inoltre, le coppie che collaborano bene oltre gli obiettivi degli altri, individuali e condivisi.
  3. Traiettoria: le traiettorie a lungo termine delle dinamiche relazionali sono influenzate dalle percezioni continuamente aggiornate delle interazioni e delle esperienze rilevanti della coppia. Nel corso del tempo le relazioni cambiano e, si spera, crescano piuttosto che esaurirsi o andare in crash e bruciare. Mentre vari modelli di cambiamento delle relazioni sono basati su diversi fattori, le relazioni generalmente attraversano fasi di sviluppo, analoghe allo sviluppo individuale. In ogni fase, le coppie affrontano compiti diversi o affrontano nuove sfide, con opportunità di maggiore impegno, intimità e crescita insieme ai rischi di gestire male i tempi difficili. La passione tende ad essere più forte nelle relazioni precedenti, mentre il caregiving e l'attaccamento assumono un peso maggiore nel tempo.
  4. Valutazione: le persone valutano le loro relazioni e partner in base a una serie di costrutti positivi e negativi, che tendono ad essere moderatamente correlati negativamente. Valutiamo abitualmente il mondo che ci circonda, le altre persone e noi stessi. In genere i positivi e i negativi sono inversamente correlati – quando ci sono più positivi, ci sono meno negativi e viceversa. Le relazioni possono essere più difficili se ci sono alti livelli sia positivi che negativi, creando ambivalenza. Seguendo la teoria triangolare dell'amore di Sternberg, per esempio, le persone possono valutare le relazioni basate sulla passione, l'intimità e l'impegno. Un'altra prospettiva influente sostiene che la qualità della relazione si riflette nella valutazione su sei dimensioni: impegno, fiducia, amore, passione, intimità e soddisfazione. Riconoscere che la valutazione ha componenti consce e inconsce, e considerando il loro impatto, può aiutare le coppie a funzionare meglio e ad essere più soddisfatte.
  5. Reattività: i comportamenti responsivi promuovono la qualità della relazione sia per il sé che per il partner. La reattività reciproca è un aspetto chiave delle relazioni. I partner in una relazione di successo supportano i reciproci "bisogni e valori fondamentali". Anche i modi in cui i partner reagiscono sono importanti. Per alcune relazioni, rispondere subito può sembrare troppo simile a una transazione se il partner è in condivisione senza aspettarsi qualcosa in cambio, e l'altra più tit-for-tat. In generale, con una forte mutualità, entrambi i partner si sentono più sicuri e più positivi nei confronti di se stessi, e quindi sono disposti ad essere più vulnerabili nella relazione, che a sua volta di solito aumenta la vicinanza. Alcuni stili di attacco interagiscono con la reattività. Ad esempio, le persone legate in modo insicuro possono essere meno reattive quando i loro partner sono sconvolti e, quando le persone attaccate in modo insicuro ricevono assistenza, possono di conseguenza sentirsi più insicuri. La ricerca ha dimostrato che le relazioni con livelli più alti di sostegno promuovono il benessere; le persone coinvolte sono più felici e più sane delle controparti nelle relazioni meno favorevoli.
  6. Risoluzione: il modo in cui i partner comunicano e gestiscono gli eventi relazionali influisce sulla qualità e sulla stabilità delle relazioni a lungo termine. Come le coppie affrontano gli eventi negativi è fondamentale per costruire relazioni sane nel tempo. Gli eventi negativi hanno un impatto maggiore degli eventi positivi, in modo simile al modo in cui le persone danno più peso alla critica che alla lode. In che modo le coppie affrontano il conflitto è particolarmente importante. Come le coppie affrontano il conflitto si può pensare a due linee interagenti: costruttiva / distruttiva e attiva / passiva. La gestione attiva e costruttiva dei conflitti tende a contribuire alla soddisfazione a lungo termine delle relazioni e ad una minore possibilità di rottura. Le ricerche di Gottman e Levenson hanno rivelato quattro modelli comportamentali associati alle relazioni nei guai: "criticare globalmente la personalità del tuo partner, rispondere in modo difensivo alle critiche del tuo partner, trasmettere la convinzione che il tuo partner sia inferiore a te e rifiutarsi di occuparsi delle preoccupazioni del tuo partner." Il perdono è importante e tende ad essere correlato con migliori risultati di relazione e crescita per entrambi i partner – ma solo quando adeguate ammende sono abbinate a un autentico perdono.
  7. Manutenzione: i partner in relazioni impegnate mostrano cognizioni e comportamenti che promuovono la persistenza della relazione nel tempo, anche se ciò comporti pregiudizi auto-ingannevoli. Le relazioni richiedono lavoro da mantenere, in particolare per periodi di tempo più lunghi. Un po 'ingannare se stessi può fare molto, secondo la ricerca, anche se ovviamente l'autoinganno può andare troppo lontano. A volte, le persone mettono da parte il loro apparente interesse personale per il bene della relazione. Certamente, anche la tendenza alla relazione è nel loro interesse. Le persone sono consapevoli delle decisioni che prendono per mantenere le relazioni in corso, ma molte cose avvengono al di fuori della consapevolezza. Quando le persone si impegnano in una relazione, vedono le cose in modo diverso e si comportano in modo corrispondente, compreso il credere che le loro relazioni siano superiori agli altri, minimizzando o rinunciando a opzioni romantiche al di fuori della relazione, dando le cose per la relazione e lasciando andare i rancori in più facilmente dopo un'offesa. La ricerca mostra che avere un senso gonfiato degli attributi positivi di un partner si correla con buoni risultati relazionali, così come interpretare i loro comportamenti in una luce più generosa.
  8. Predisposizione: le persone apportano alcune qualità fondamentali di personalità e temperamento alle loro relazioni, alcune delle quali influenzano il loro rapporto e il loro rapporto di benessere. Anche se le relazioni si integrano nel tempo, le materie prime della relazione sono i punti di forza e le responsabilità che gli individui portano in tavola. Ad esempio, i punti di forza potrebbero includere la resilienza, una buona immagine di sé o uno stile di attaccamento sicuro, e le responsabilità potrebbero includere un maggiore nevroticismo, difficoltà nel gestire il rifiuto o modi evitanti di affrontare le sfide della vita. Gli autori sottolineano che un approccio comune alle relazioni può aiutare a tenere insieme le cose attraverso momenti difficili e che una predisposizione nevrotica predice una maggiore difficoltà nelle relazioni.
  9. Strumentalità: le persone portano determinati obiettivi e bisogni alle loro relazioni e le dinamiche tra i due partner influenzano la misura in cui riescono a raggiungere questi obiettivi e soddisfare tali esigenze. In buone circostanze, le relazioni favoriscono gli obiettivi e le esigenze delle persone coinvolte. Parte della motivazione ad essere in relazione in primo luogo, quindi, si collega agli sforzi che le persone fanno per raggiungere quegli obiettivi e bisogni. Vi sono obiettivi ovvi, come l'educazione dei figli e la necessità di un legame, che sono spesso obiettivi condivisi. Vi sono altri obiettivi che sono più individuali, e le coppie in relazioni di successo in genere migliorano le attività degli altri, offrendo l'un l'altro aiuto e aumentando l'efficienza complessiva. È interessante notare che la ricerca ha dimostrato che le persone nelle relazioni possono sopportare meglio il dolore mentre guardano una foto del loro partner, che si correla con l'attività cerebrale associata alla sicurezza. Nelle relazioni di successo, le persone trovano il modo di servirsi l'una dell'altra, piuttosto che l'una dell'altra.
  10. Standard: le persone portano determinati standard alle loro relazioni e tendono a sperimentare un maggiore benessere relazionale quando le loro relazioni superano questi standard. Esistono diversi modelli di relazione che esaminano il ruolo degli standard nella soddisfazione delle relazioni e nella disfunzione. Le persone comunemente riconoscono che valori condivisi, aspettative, desideri e ideali sono importanti nelle relazioni. Come ci si potrebbe aspettare, la ricerca mostra che standard irrealisticamente elevati portano a una bassa qualità della relazione. Allo stesso modo, gli standard elevati creano migliori relazioni quando aumentano la motivazione e supportano gli sforzi di auto-miglioramento – un buon rapporto porta fuori il meglio da entrambi i partner.
  11. Diagnostica: le situazioni variano nella misura in cui offrono l'opportunità di valutare i veri obiettivi e le motivazioni del partner riguardo alla relazione. Dato che le persone tendono a valutare se stessi e gli altri, e l'ambiente in cui si trovano, le persone in una relazione sono coinvolte in un processo di valutazione di come sta andando la relazione e di cosa potrebbe andare bene, e in modo errato. Le situazioni stressanti mettono in evidenza la necessità di pensare alla qualità della relazione e di identificare le aree problematiche. Un "test di deformazione" si verifica quando ciò che è positivo per un partner richiede un grande sacrificio dall'altro, come un cambio di lavoro che richiede una mossa di un partner e l'altro di tirare fuori le radici. Più grande è il sacrificio, più basso è il livello di connessione che il partner sacrificante ha dove stanno andando, maggiore è l'aumento di fiducia e impegno. Tali situazioni richiedono che entrambi i partner prendano decisioni importanti senza la piena sicurezza, assumendosi rischi di fronte all'incertezza e il loro superamento supporta con successo la percezione delle coppie di avere buone relazioni di cui essere orgogliosi, insieme.
  12. Alternative: la presenza di interessanti alternative a una relazione corrente, inclusa l'opzione di non essere affatto in una relazione, minaccia la qualità e la persistenza della relazione. Soprattutto quando le relazioni sono tese, le persone considerano le loro alternative. Cosa potrebbe essere diverso nella relazione? Dovremmo stare insieme? Sarei più felice con qualcun altro, qualcuno come _____ che è un amico / collega / ex? Sarei meglio da solo? Il modo in cui pesiamo le alternative varia con la qualità delle relazioni. Per esempio, persone molto impegnate nelle relazioni soddisfacenti considerano i compagni alternativi meno attraenti dei loro coetanei nelle relazioni problematiche. Da un punto di vista evolutivo, quando le persone investono molte risorse in una relazione, sono più motivate a cercare di farlo funzionare in modo da non perdere tutto ciò che hanno investito. In tali circostanze, riduciamo le alternative allettanti, aiutando a mantenere la relazione al riparo dall'infedeltà e mantenendo l'attenzione sul partner attuale. È interessante notare che gli autori dello studio osservano che la poliammoria può ridurre la minaccia di essere rifiutati permettendo alternative e rendendole trasparenti, portando alla stabilità delle relazioni.
  13. Stress: le elevate esigenze esterne alla relazione predicono risultati peggiori della relazione, soprattutto se le richieste superano le risorse (individuali o combinate) dei due partner per farvi fronte. Situazioni stressanti verificano le relazioni e utilizzano risorse personali e materiali che altrimenti potrebbero contribuire a un rapporto di qualità superiore. Principali fattori di stress tra cui disoccupazione, problemi di denaro, andare in prigione, una grave malattia, difficoltà di fertilità e tragedie come i disastri possono portare alla rottura e al fallimento delle relazioni. Se le coppie usano strategie di coping adattivo diventa cruciale quando i tempi sono difficili, e alcune strategie di coping sono più efficaci di altre. Gli studi dimostrano che quando le risorse personali sono esaurite, è più probabile che le persone siano difensive e vendicative quando i loro pulsanti vengono spinti. Ci sono molti fattori che influenzano il modo in cui le coppie possono gestire in modo ottimale gli eventi della vita di alto livello.
  14. Cultura: le relazioni sono incorporate nei social network e in un ambiente culturale – comprese norme, pratiche e tradizioni – che modellano la natura e la traiettoria di tali relazioni. I tempi cambiano, e le opinioni sociali modellano il modo in cui le persone affrontano le relazioni e quello che cercano da loro. Oggigiorno ci sono così tante prospettive sulle relazioni, inclusa la disponibilità di risultati di ricerca, che le persone non sempre sanno quali sono le influenze culturali in gioco. Approvazione o disapprovazione da parte di amici, familiari e altri possono dare forma al percorso che una relazione prende e alla sua coesione. Speculativamente, mentre sembra che l'approvazione possa tenere insieme le persone, la disapprovazione potrebbe allontanarle – o potrebbero coalizzarsi contro persone disapprovanti, probabilmente a spese di quelle relazioni. Allo stesso modo, le credenze e le pratiche sessuali culturali e familiari influenzano fortemente le relazioni.
//creativecommons.org/licenses/by-sa/2.0)], via Wikimedia Commons
Fonte: di Torsten Seiler da Colonia, Germania (Savv su flickr.com) (www.flickr.com) [CC BY-SA 2.0 (http://creativecommons.org/licenses/by-sa/2.0)], via Wikimedia popolo

Quindi, questi sono i 14 principi fondamentali in poche parole. L'ho trovato uno schema edificante ed organizzativo e una lettura stimolante. Sono grato agli autori per aver sintetizzato così tanto e averlo inserito in un quadro semplice e di buon senso.

C'è molto altro da dire su ciascun fattore, una ricchezza di dati da integrare e molte possibilità di sviluppo futuro. Quali fattori portano più peso? Cosa può essere modificato per avere relazioni migliori ed evitare le insidie ​​più comuni? C'è un modo per dire all'inizio se una relazione si risolverà nel lungo periodo?

Piuttosto che trarre conclusioni a questo punto, sono più concentrato su come avere un quadro coerente apre possibilità, e spero che lo sia anche tu.

Twitter: @GrantHBrennerMD

LinkedIn: https://www.linkedin.com/in/grant-hilary-brenner-1908603/

Sito Web: www.GrantHBrennerMD.com

Solutions Collecting From Web of "14 Dynamics In Healthy Relationships"