14 consigli da 14 anni malati

Public Domain
"Ragazza in piedi sul balcone" di Carl Holsøe (1863-1935)
Fonte: dominio pubblico

Quando ho iniziato a scrivere per Psychology Today più di quattro anni fa, uno dei primi articoli che ho pubblicato è stato intitolato "10 Tips from 10 Years Sick". Sono passati quattro anni … e sono ancora malato. E così, 10 + 4 = 14, il che significa che è il momento di "14 consigli da 14 anni malati". Alcuni hanno fatto un'apparizione in una forma diversa nei pezzi precedenti, ma questo perché alcuni suggerimenti hanno una durata molto lunga.

1. Non contare sulle altre sfide della vita da mettere in attesa per te.

Da quando sono ammalato, ho avuto un piano: accontenterò la mia malattia vivendo una vita tranquilla e senza problemi. Ma John Lennon aveva ragione. La vita è ciò che accade mentre sei occupato a fare altri piani.

Ecco un esempio di una settimana apparentemente innocente lo scorso gennaio: il nostro sistema elettrico si è sviluppato brevemente e siamo rimasti senza luce nel nostro bagno senza finestre per dieci giorni; il nostro forno a microonde si è rotto; e il recinto che separa la nostra casa dal parco accanto ha sviluppato un buco così grande che non ha più tenuto il cane dentro (Nota: in un pizzico, un pezzo di compensato e alcuni mattoni possono fare miracoli, anche se dovevamo ancora sostituire la recinzione).

E poi (come alcuni di voi sanno), c'è questo: nel novembre 2014 mi è stato diagnosticato un cancro al seno. È stato diagnosticato precocemente e la prognosi è buona, ma dovevo ancora sottopormi ad un intervento chirurgico (una lumpectomia), un trattamento radioterapico, e ora sono in un corso di cinque anni di farmaci che ha effetti collaterali impegnativi.

Nelle parole di uno dei miei primi insegnanti buddisti, Joseph Goldstein: "Se non è una cosa, è qualcos'altro." Può sembrare un commento negativo ma, stranamente, accettare la verità delle sue parole mi ha aiutato a rotolare con il pugni e trova una misura di pace in questa vita.

2. Esprimi la tua nozione: "C'è solo un modo giusto per fare le cose".

Ero abituato a credere ostinatamente che esistesse un modo giusto e uno sbagliato di fare le cose. Ora ho ripreso a pensare fuori dagli schemi e, di conseguenza, la mia vita è molto più piacevole. Un esempio. Prima di ammalarmi, l'idea di uscire a cena alle 5:00 non era immaginabile. Anche dopo essermi ammalato, anche se l'unico modo in cui potevo andare a cena era se fosse presto, mi aggrappavo ancora all'idea: "Nessuno va a cena così presto. Non avrò fame Non sarà festivo. "Poi ho provato, e ora, uscire a cena alle 5:00 è un grande regalo.

3. Cerca di uscire; un cambiamento di ambiente può cambiare umore.

Quando sono di umore blu, aiuta ad andare fuori, anche se è solo per sedermi nel mio cortile per dieci o quindici minuti. Se non si dispone di un cortile, provare un portico o una breve passeggiata su e giù per il blocco. Anche se il tempo non è l'ideale, cambiare l'ambiente come questo può cambiare il tuo umore. Trovo spesso mi dà un'idea di qualcosa di divertente da fare quando torno dentro. A volte devo forzarmi ad andare fuori – gli umori funky possono farmi non voler muovere – ma ne vale sempre la pena.

4. Vai preparato allo studio del medico.

Sì, potresti comunque rimanere deluso, forse anche frustrato, con l'esito dell'appuntamento, ma almeno non lo sarà perché ti sei dimenticato di sollevare un problema cruciale o di porre una domanda importante. Faccio una lista. Ti suggerisco di fare anche tu.

5. Presta attenzione a ciò che il tuo corpo ti sta dicendo.

Se ti sta dicendo di smettere di visitare, trova un modo per smettere di visitarlo. Se ti sta dicendo che una passeggiata lenta intorno al quartiere si sentirebbe bene, fai quella passeggiata. Prima di ammalarmi, non ascoltavo quasi mai il mio corpo. Ora ha il mio orecchio tutto il tempo.

6. Sii altamente selettivo su ciò che guardi in TV e dove navighi sul web.

Un giorno di fine gennaio, mi sentivo particolarmente male fisicamente e, di conseguenza, vulnerabile, emotivamente. Ho acceso la televisione per una visione confortevole. Giunse un canale che copriva il 70 ° anniversario della liberazione di Auschwitz. Ero lì, faccia a faccia, con immagini di orribile crudeltà.

Ho chiuso gli occhi per alcuni momenti di ricordo e mi sono detto: "Non dobbiamo mai dimenticare". E poi ho cambiato canale. Ho trovato una partita di tennis che era in corso all'Australian Open e mi sono rilassato mentre ascoltavo le voci familiari dei commentatori (sono un appassionato di tennis e quindi i commentatori sono come vecchi amici). Dal mio punto di vista, censurare ciò che ho visto in televisione in questo modo è stato il modo compassionevole di prendersi cura di me stesso.

Ti raccomando di prendere la stessa cura nel decidere dove navigare sul web. In conclusione: sii il giudice compassionevole su cosa esporsi.

7. Essere anche altamente selettivo su quali trattamenti si prova.

Ricevo molti suggerimenti sui trattamenti per i miei vari problemi di salute. So che le persone sono ben intenzionate, ma può diventare travolgente. Ciò che funziona per una persona potrebbe non funzionare per un'altra. Inoltre, i trattamenti alternativi sono estremamente costosi e non coperti dall'assicurazione. Saltavo ad ogni trattamento suggerito. Ora sono molto selettivo.

8. Riconoscere che alcune persone sono badanti naturali e altre no.

Aiuta a rendersi conto che la capacità delle persone o la loro mancanza di essere buoni badanti non riguarda te; riflette la propria storia di vita e forse le proprie paure riguardo alla malattia e persino alla mortalità. Mi arrabbiavo quando le persone non si prendevano cura di me nel modo in cui pensavo che dovessero. Poi ho capito che sconvolgerlo mi faceva sentire solo peggio. Le persone si comporteranno come si comportano, indipendentemente dai miei desideri.

Questa consapevolezza mi ha aiutato a vedere che mi sento meglio emotivamente quando accetto cortesemente qualsiasi sostegno venga offerto e lasciamo che il resto vada, comprese le mie opinioni su come le persone dovrebbero agire … e includendo le mie delusioni. Non è sempre facile, ma ci sto lavorando.

9. Pianifica in anticipo.

È una tremenda tensione per la mia malattia quando mi trovo bloccato in una situazione perché non ho pianificato in anticipo. Pianifico tutto per ora. No, non è divertente, ma può trattenere i miei sintomi dal flaring: prendi un cuscino per la schiena perché posso rimanere bloccato nella sala d'attesa dello studio medico per un lungo periodo di tempo; pulire la cucina per quattro giorni, dividendo i compiti in pezzi che il mio corpo può gestire; concedi al mio amico un tempo prefissato per terminare la nostra visita in modo che non duri più a lungo di quanto io possa gestire. Sì, ho perso molta spontaneità nella mia vita, ma è un necessario "effetto collaterale" di essere cronicamente malato.

10. Se sei molto solo, valuta di prendere un animale domestico.

So che questo non è possibile per tutti, sia a causa di accordi di vita, finanze o allergie. Lo aggiungo come consiglio perché avere un cane mi ha aiutato moltissimo. Una ragione è che i miei animali domestici si riferiscono sempre a me come se fossi in perfetta salute e questo mi fa sentire bene. Mi dà una pausa dal pensare sempre a me stesso come malato cronico. Anche se tutto quello che riesci a gestire è un pesce rosso: la piccola creatura non saprà che stai lottando con la tua salute!

11. Mantieni un "Try Mind".

Questo è un insegnamento del maestro Zen coreano Ko Bong (1890-1962). È utile ed è rilassante. Alcuni giorni mi sento così male che tutto quello che posso fare è provare: cerca di nutrirmi; prova a non lamentarti con gli altri; prova a trovare un po 'di gioia negli spazi tra il dolore e la malattia. E quando il mio tentativo si rompe, posso riprovare. Immagino che potrei chiamarlo "mantenere una seconda possibilità". Tutti noi possiamo usare molte seconde possibilità!

12. Quando pensi alla tua malattia cronica, evita di chiedere "Perché?" O "Perché io?" A meno che tu pensi che la ragione potrebbe essere dovuta a qualcosa che puoi modificare nella tua vita in modo da migliorare la tua salute.

Nella mia esperienza, chiedere "Perché" o "Perché io?" Non è solo non costruttivo: è l'ansia che produce. La risposta a queste domande sarebbe importante per me solo se pensassi che la ragione fosse riconducibile a una causa di cui potrei fare qualcosa in futuro. La cosa migliore che posso fare per me è accettare le sfide mediche che mi si presentano come qualcosa che è accaduto a questo corpo lungo il percorso della vita, e poi raccogliere tutto il coraggio che posso per intraprendere qualsiasi trattamento sembra essere il migliore per me .

So che non tutti saranno d'accordo con l'opinione che sto per esprimere, ma la sto includendo nel caso sia confortante per te. (Se non è confortante, ignoralo.) Non credo che tutto nella vita avvenga per una ragione, nel senso che le sfide e gli ostacoli della vita sono "una prova" per vedere se possiamo migliorare noi stessi in qualche modo; Credo che la malattia e il dolore avvengano perché i corpi possono ammalarsi e possono ferire.

Ognuno soffre di problemi medici in qualche momento della sua vita. Dal mio punto di vista, mi sono ammalato perché è uno dei rischi di essere vivo. È uno dei rischi di questa vita misteriosa, imprevedibile e affascinante in cui mi trovo. Non credo che la malattia e il dolore siano messaggi criptici che dovrei decifrare e imparare da una lezione.

E infine, due vecchi ma chicche:

13. Sii grato di vivere nell'era di Internet.

Non riesco ad immaginare quanto sarebbe più difficile essere malati cronici se non potessi connettermi con altri sul web che sono malati cronici. Attraverso i social media e questo blog, ho incontrato persone provenienti da tutto il mondo.

Se vivi da solo e sei costretto a casa, gli amici del ciberspazio potrebbero essere la tua unica fonte di supporto. È così confortante ascoltare un'altra persona che è malata o sofferente ed essere in grado di dire "È esattamente come mi sento!" Quando penso a quanto isolati i malati cronici fossero solo pochi decenni fa, mi sento fortunato a vivere in l'era di Internet.

14. Quando tutto il resto fallisce, vai a letto.

Questo è stato un consiglio che ho aggiunto l'anno scorso, ma penso che avrà una durata molto lunga. È stato un grande consiglio quando mi è stato dato per la prima volta quasi quattordici anni fa da Bruce Campbell del programma Self-Help CFS / FM, ed è un ottimo consiglio in questo giorno.

© 2015 Toni Bernhard. Grazie per aver letto il mio lavoro. Sono l'autore di tre libri:

Come vivere bene con Chronic Pain and Illness: A Mindful Guide (2015)

Come svegliarsi: una guida ispirata dal buddismo per navigare tra la gioia e il dolore (2013)

Come essere malati: una guida ispirata dal buddista per i malati cronici e i loro caregivers (2010)

Tutti i miei libri sono disponibili in formato audio da Amazon, audible.com e iTunes.

Visita www.tonibernhard.com per ulteriori informazioni e opzioni di acquisto.

Usando l'icona della busta, puoi inviare questo pezzo via email ad altri. Sono attivo su Facebook, Pinterest e Twitter.

Potrebbe anche piacerti "8 cose che mi mancano di più a causa di dolore e malattie croniche".

Solutions Collecting From Web of "14 consigli da 14 anni malati"