12 consigli per prendersi cura di qualcuno con l'Alzheimer

Can Stock Photo
Fonte: Can Stock Photo

Prendersi cura di qualcuno con l'Alzheimer è certamente una delle sfide più stressanti a cui una persona può sottoporsi. Per alcuni, il grado di sforzo è così grande che può interferire con la fornitura di una buona cura e può portare a un rapido posizionamento dell'individuo in una struttura. Lo stress di prendersi cura di una persona cara con l'Alzheimer può essere dannoso per il partner di cura, pure. Prendersi cura di se stessi deve essere il primo lavoro di chiunque si prenda cura di qualcuno con la malattia di Alzheimer. Un partner assistenziale può gestire solo i molti compiti e le sfide coinvolte se lui o lei è in buona forma mentalmente e fisicamente. Con questo è la mente, qui ci sono una dozzina di indicatori che i partner di assistenza potrebbero trovare utili. Questi suggerimenti, e altri, sono discussi in maggior dettaglio nel libro che ho scritto insieme a Kesstan Blandin, Il viaggio emozionale della famiglia di Alzheimer .

1. Prenditi cura del tuo stesso benessere
I partner di cura spesso trascurano i propri bisogni di salute concentrandosi sui bisogni della persona con la malattia. Mangiare e dormire bene sono fondamentali. Quindi è regolare esercizio fisico. Fai visite regolari con il tuo medico primario. Un buon fornitore di cure primarie sarà sensibile a come si sta gestendo lo stress e interverrà quando sembrerà necessario.

2. Ottieni il massimo aiuto possibile
Ti sentirai molto meno stressato se riceverai tutto l'aiuto possibile con il lavoro – altri familiari, amici, assistenti pagati. A volte il più grande ostacolo nel raggiungimento di questo obiettivo non è la mancanza di disponibilità o disponibilità da parte degli altri ad aiutare, ma la riluttanza del partner di assistenza primaria – in particolare un coniuge – a riconoscere la necessità di assistenza e consentire ad altri di aiutare.

3. Avere periodi regolari di tregua
Respite significa non solo che hai tempo quando non sei impegnato a fornire assistenza, ma anche tempo in cui sei sollevato dal peso psicologico della preoccupazione per la persona con la malattia. Affinché ciò sia possibile, hai bisogno di aiutanti che siano degni di fiducia e con i quali la persona con l'Alzheimer sia ragionevolmente a suo agio. Questo può richiedere un po 'di lavoro, ma vale la pena.

4. Mantenere una vita sociale e interessi
Separato dalla persona con la malattia di Alzheimer È necessario mantenere il proprio senso di identità, indipendente da quello di essere un partner assistenziale, e continuare a perseguire quelle attività che sono state importanti per lei in precedenza. Questo dovrebbe includere il contatto sociale con persone diverse dall'individuo con l'Alzheimer.

5. Impara il più possibile sulla malattia
La conoscenza è fondamentale nella gestione di qualsiasi malattia cronica, ma questo è particolarmente vero nel caso del morbo di Alzheimer. Imparare a conoscere le sfide comportamentali che sono comuni nella malattia di Alzheimer e come gestirle può essere più prezioso di qualsiasi farmaco attualmente disponibile per questo.

6. Partecipare a un dialogo aperto e confortevole sulla malattia con la persona affetta da morbo di Alzheimer
Mentre a volte può sembrare che parlare della malattia con la persona con l'Alzheimer crei stress aggiuntivo, di solito accade il contrario. I membri della famiglia – i partner di cura e quelli con la malattia allo stesso modo – spesso riferiscono di essere molto più a loro agio una volta che sono stati in grado di parlare apertamente di questo "elefante nella stanza" evitato in precedenza. Naturalmente, questo deve essere fatto in un modo che non sia giudicante, ed è sensibile all'autostima della persona con la malattia.

7. Parla con Close Family and Friends riguardo alla malattia
Forse ritieni che discutere della situazione con altri familiari o amici sia inutile e forse anche sleale. Sebbene questo sentimento sia comprensibile, si basa sulla falsa premessa che l'Alzheimer è qualcosa su cui dovremmo vergognarci e che dovrebbe essere nascosto agli altri. È importante non lasciare che le nozioni antiquate sulla malattia interferiscano con te ottenendo tutto il supporto che puoi da amici, familiari e altri confidenti. Fare così ti aiuterà ad essere un partner di assistenza migliore, e questo dovrebbe essere l'obiettivo che sovrascrive quasi ogni altra cosa.

8. Frequentare regolarmente un gruppo di supporto
I gruppi di supporto offrono vantaggi unici e potenti, e molti partner di assistenza indicano che il loro gruppo è diventato un'ancora di salvezza vitale in un momento molto difficile della loro vita. Anche le persone che inizialmente sentono di non aver bisogno di andare in un gruppo di supporto le trovano estremamente utili, una volta che iniziano a frequentare regolarmente. Non sei il solo a cercare di far fronte a questo.

9. Trova attività che ti piaceranno le persone amate, specialmente le attività che puoi apprezzare insieme
Una sfida comune che i partner dell'assistenza familiare devono affrontare è quella di identificare attività appropriate, realizzabili e piacevoli per la persona affetta dalla malattia. Prendi nota di quelle abilità che sono state preservate nella persona con la malattia e concentrati sulle attività che fanno uso delle capacità che rimangono. Trovare le attività giuste e perseguirle dipende dalla tua motivazione e creatività, più di ogni altra cosa. Di solito, la persona con l'Alzheimer non è più in grado di iniziare questo tipo di attività spontanea. Oltre a identificare le attività adatte per la persona con la malattia, è particolarmente utile identificare le attività che voi due potete divertirvi insieme. Prova a fare passeggiate insieme. Non solo c'è beneficio nell'attività stessa, ma anche, camminando insieme, promuove un'altra attività di fondamentale importanza: parlare tra loro.

10. Trova e celebra gli aspetti positivi dell'assistenza
Mentre ci sono molti aspetti difficili e stressanti di prendersi cura di una persona cara con l'Alzheimer, non è tutto negativo; quasi ogni partner può indicare aspetti positivi dell'impresa. Essere in grado di concentrarsi sugli aspetti positivi di qualsiasi compito difficile è positivo per il benessere mentale, e questo è particolarmente vero per questo compito.

11. Concentrati su ciò che puoi controllare e impara ad accettare il resto
Le persone che hanno un forte bisogno di sentirsi "in controllo" tendono ad avere un momento molto difficile come partner di assistenza. Ma la natura dell'Alzheimer è che la malattia è generalmente sotto controllo – non proprio la persona amata, e certamente non voi, purtroppo. Cerca di determinare quali aspetti della situazione sei in grado di prevedere o controllare, e concentrati su quelli, pur riconoscendo e accettando i molti aspetti della situazione che non sono sotto il tuo controllo. Le cose che puoi controllare sono il tuo comportamento e le reazioni emotive alla situazione. Questo è dove dovresti concentrare i tuoi sforzi.

12. Sapere quando hai raggiunto i tuoi limiti e agire di conseguenza
Potrebbe esserci un punto in cui ti senti non sei più in grado di continuare i compiti di prendersi cura di qualcuno con l'Alzheimer a casa. Non è né vergognoso né sleale riconoscere il punto in cui un cambiamento deve essere fatto e agire di conseguenza. Fare preparativi per questo in anticipo non dovrebbe essere visto come un segno di debolezza o slealtà, ma piuttosto come una concessione alla realtà, e come un atto d'amore per la persona con la malattia.

Solutions Collecting From Web of "12 consigli per prendersi cura di qualcuno con l'Alzheimer"