12 chiavi per una grande auto-relazione, a partire da ora

eldar nurkovic/Shutterstock
Fonte: eldar nurkovic / Shutterstock

La tua relazione con te stesso è senza dubbio la relazione più importante nella vita. L'auto-relazione è il fondamento di tutto il resto – anche l'altruismo. È facile identificare gli aspetti patologici dell'autocompatibilità: narcisismo negativo, prospettive eccessivamente solipsistiche, incapacità di relazionarsi ed empatia con gli altri, e così via. Allo stesso modo è facile identificare i tratti che associamo con gli altri che si trovano in un buon posto, con il loro agire insieme, mostrando buone capacità interpersonali, che sembrano avere successo con definizioni convenzionali e così via. È facile dare le cose per scontate – anche essere in grado di concentrarsi su se stessi in questo modo è un indicatore di essere molto fortunato in primo luogo.

La relazione di uno con se stessi è fondamentale per il corretto sviluppo. Si tratta di un sano amore per se stessi. Impariamo molto dalle figure chiave – genitori, fratelli, familiari, coetanei e altri adulti – su come relazionarsi con se stessi. Ciò che è buono e ciò che è male – ciò che li soddisfa e ciò che chiaramente non gli piace. Nelle prime fasi dello sviluppo, le relazioni con gli altri danno forma alla relazione con se stessi. Vi sono anche tendenze intrinseche alla relazione con se stessi. Crescendo, il modo in cui vengono trattati dagli altri e il modo in cui gli altri si occupano di se stessi, sono fattori importanti che influenzano il modo in cui ci rivolgiamo da adulti.

Dicono che, se abbiamo genitori che trovano un equilibrio sufficiente per come soddisfano i loro bisogni con le richieste dei loro figli, allora presumibilmente i bambini avranno maggiori possibilità di crescere per avere un equilibrio altrettanto sano. Né sacrificheranno eccessivamente le proprie aspirazioni ed energie per allevare i figli, né cadrà nella trappola di essere negligenti a causa del perseguimento delle proprie attività. Inoltre, il modo in cui i genitori bilanciano questi bisogni di auto-sostentamento in coordinazione reciproca è un modello chiave per i bambini, che vedono se condividono bene le responsabilità, date le loro propensioni individuali – o se esiste un conflitto negativo da sentimenti su una persona non essere abbastanza in giro, e l'altra persona rimane bloccata con tutto il lavoro al punto in cui non hanno abbastanza tempo o spazio di testa per se stessi.

Andando oltre la cura di sé

Tuttavia, credo nonostante tutti i discorsi sulla cura di sé e sull'auto-compassione, sulla meditazione di consapevolezza, sull'auto-aiuto e su argomenti familiari correlati, è stato difficile definire cosa significhi realmente, e cosa realmente serva, per sviluppare e sostenere un rapporto davvero buono con te stesso. Avere un rapporto davvero buono con me stesso significa che, mentre so che ho bisogno di altre persone in molti modi, da adulto il mio rapporto con me stesso è diventato cruciale per sfruttare al meglio i miei anni restanti. Voglio muovermi verso un attaccamento sicuro.

Per me, ciò che significa avere un buon rapporto con me stesso è mirare ad essere un ottimo amico per me (non il mio "migliore amico", anche se suona bene dire "Sii il tuo migliore amico"). Oltre ad essere ottimi amici, che considero primari (anche se altri potrebbero avere un diverso insieme di priorità, o potrebbe cambiare), penso che serviamo in molti ruoli a noi stessi – genitore, fratello, figlio, mentore e in modi più intimi. Senza pensare in particolare all'intimità sessuale, è giusto dire che la propria relazione con se stessi è la relazione più intima che una persona abbia mai avuto.

Dopo tutto, tra tutti i sette e più miliardi di persone sul pianeta, sono l'unica persona di cui ho esperienza diretta e ogni possibilità di accesso diretto al mio mondo interiore. Certo, possiamo essere così vicini alle altre persone da sapere praticamente cosa stanno pensando – che è grandioso – ma siamo unici per noi stessi tra tutti gli altri esseri umani sotto questo aspetto. E in più, sappiamo che la stessa cosa è vera per tutte le altre persone (e tutti gli altri esseri senzienti che possiamo incontrare).

È divertente – se ci sposiamo, di solito facciamo voto di fornire l'altra persona in tutti i modi importanti. È un contratto formale e legalmente vincolante. Ma facciamo mai un tale voto con noi stessi, per promettere di prenderci cura di noi stessi al meglio delle nostre capacità, non importa quale?

Come posso avere un buon rapporto con me stesso?

Questa è una lista di ciò che ho scoperto in questo momento. Molto sarà familiare, e molti di essi si ripetono. Può essere facile abbandonare le cose ripetitive, anche quando sono buone per noi, perché ottiene un ronzio. Speriamo che parte di questa sia una nuova prospettiva in un modo importante.

1. Stabilisci l'intenzione e coltiva la consapevolezza.   Stabilire l'obiettivo generale, in un arco di anni, di continuare a muoversi verso una buona relazione con te stesso, con la consapevolezza che ciò che questo comporta cambierà nel corso degli anni.

2. Pianificare il breve, medio e lungo termine. Come parte dell'essere riflessivo riguardo alla coltivazione di una grande relazione con se stessi, è importante stabilire delle priorità per i diversi intervalli di tempo. Avere obiettivi realistici e stabilire tappe e tappe per ogni obiettivo, sono metodi comprovati per rimanere sulla strada giusta. Renditi conto che la motivazione a breve termine è spesso basata sulla ricompensa (ad esempio, sentirsi bene hai iniziato una nuova lezione che hai sempre voluto prendere), ma nel lungo periodo la motivazione diventa meno eccitante, e più sul mantenimento delle abitudini e sull'evitare eliminare nuovi comportamenti. Pertanto, fondere la novità con la soddisfazione a lungo termine è una buona ricetta generale. Le ricompense a lungo termine sono un investimento che arriva lungo la strada, spesso proprio quando ne hai bisogno, ma può essere facile concentrarsi troppo sulla gratificazione immediata.

3. Adottare un atteggiamento di curiosità e accettazione. Riconoscere che il cambiamento è inevitabile e generalmente buono da abbracciare senza eccesso di paura. Solo nel tempo veniamo a vedere le aree che sono veramente stabili e possiamo definire chi siamo per noi stessi e gli altri. Diffidare di apportare modifiche, tuttavia, che non sono state completamente esplorate, o prendere decisioni che non sembrano o sembrano corrette in qualche modo, o rimanere bloccati nell'indecisione.

4. Dare priorità alla cura personale di base.   Sonno, alimentazione, attività, riposo, ricreazione e abitudini mentali sono le basi per un'auto-cura sostenibile. Questi sono i blocchi fondamentali comportamentali di base che costituiscono un buon rapporto con se stessi. Essere connessi con il proprio corpo e provvedere al corpo come un buon custode e olisticamente sono fondamentali, e per di più, la cura adeguata dei propri bisogni fisici fa sì che tutto il resto funzioni meglio e ci mostra costantemente che in realtà cura di noi stessi Ciò costruisce la fiducia in se stessi nel tempo, piuttosto che i sentimenti di tradimento. Le abitudini mentali sono un tipo di comportamento e possono impiegare un po 'di tempo per cambiare, ma sono ugualmente importanti e facili da ignorare, e più difficili da mantenere quando affamate, inadeguatamente in forma, deprivate del sonno o non vivendo abbastanza gioco, affetto o riposo nel proprio vita da soli o con gli altri.

5. Sii gentile con te stesso. Questo non significa "lasciarsi alle spalle" o sottrarsi alla responsabilità, ma significa lavorare per valutare se stessi senza critiche o critiche distruttive. Le persone sono spesso dipendenti dalla colpa per quanto riguarda l'auto-valutazione e l'auto-correzione, e più spesso poi no, un'eccessiva colpa porta a cambiamenti meno efficaci. Nella misura in cui è inevitabile, accettate di incolpare, ma lavorate per essere gentili e gentili, mentre siete anche sinceri e responsabili.

6. Cerca gli altri che si adattano ai tuoi obiettivi. Oltre ad essere circondato da persone che ti trattano bene, è utile avere relazioni con altri che cercano anche di avere un buon rapporto con se stessi, sia perché sono buoni modelli, sia perché puoi sostenerci a vicenda nei tuoi sforzi. È impossibile evitare completamente le persone tossiche per la maggior parte di noi, quindi gestiscili con cura.

7. Coltivare comportamenti realisticamente ottimistici. Il perfezionismo e il pensiero tutto-o-niente è il nemico del cambiamento sostenibile. Molte persone che conosco vogliono che tutto venga risolto in un breve periodo di tempo. Questo porta quasi sempre al fallimento e mantiene un ciclo negativo di auto-biasimo, e più "cracking the whip". Gran parte del tempo, questo attraversa il luogo oscuro di autoabuso e punizione, che non è una ricetta per un cambiamento sano ma a volte le persone dicono che è meglio di niente. Mentre è buono accettare i propri bisogni di difese disadattive e l'uso di sopravvivenza che avevano, è una cattiva idea aggrapparsi troppo forte a loro. Un certo livello di frustrazione con se stessi, il fatto di "ammalarsi" di come le cose sono o "stanche" di essere allo stesso modo, spesso precede il cambiamento, però. Stabilire obiettivi che possiamo raggiungere e costruire su di essi è un'alternativa standard ed efficace. Per esempio, invece di chiedere che vada in palestra quattro giorni alla settimana per un'ora ogni volta e rovinandomi la prima settimana, posso fissare l'obiettivo di andare almeno una volta per mezz'ora, dopodiché tutto è sugo . E se non raggiungo questo obiettivo, si trasferisce nella prossima settimana.

8. Avere un piano di crisi personale. A volte la vita ci fa una brutta mano, o prendiamo una decisione di cui ci dispiace e odiamo. In questi momenti, è utile avere un piano di crisi personale, perché questi sono tempi in cui siamo anche più vulnerabili a ricorrere alle vecchie abitudini e giustificare l'auto-abuso. Il piano più semplice è quello di aspettarsi che questi tempi vengano e siano preparati con modalità di comprensione di come ci sentiamo, che ci tengono concentrati su intenzioni e obiettivi a lungo termine, affrontando il problema immediato. Annotare i nostri pensieri per questa eventualità e fare riferimento a loro, e avere un paio di persone disponibili per tali periodi per mantenere le cose in prospettiva, può essere molto efficace. Se sai che tendi a rifiutare l'aiuto in quei momenti, tienilo d'accordo, perché è il filo che fa sbrogliare tutto il resto.

9. Mantenere un'attività significativa.   Piuttosto che avere una definizione statica del successo, lavora per avere attività regolari che forniscano soddisfazione e un senso di realizzazione. Il lavoro è importante, e non tutti hanno un lavoro che amano, ma è importante trovare dei modi per renderlo significativo – questo potrebbe riguardare il cambiamento di ciò che effettivamente fai, o concentrarsi su come lavori e cosa significa nel tuo attuale lavoro. Avere un senso di integrità per la qualità del proprio lavoro può essere uno standard personale che dà significato a un lavoro esternamente non impegnativo. Allo stesso modo per attività al di fuori del lavoro – hobby, ricreazione e attività di volontariato – e significative relazioni personali e d'amore. La tua stessa mente può essere fonte di grande fascino e intrattenimento.

10. Stabilire buone abitudini. Inizia la giornata in modo tale da aumentare la probabilità di avere un giorno che supporti gli obiettivi della tua relazione personale. Alcune persone trovano utile annotare gli obiettivi quotidiani la sera prima e rivederli per primi al mattino. Altri tengono a mente queste idee e possono rivederle mentalmente. Indipendentemente da ciò, in poco tempo dopo il risveglio, ricordati delle tue intenzioni e degli obiettivi a lungo termine, rivedi le pratiche chiave che desideri per quel giorno specifico e prova come desideri affrontare le attività problematiche nella tua giornata. Naturalmente, non sto suggerendo che tutto sia pianificato e strettamente controllato – la spontaneità è fondamentale – ma è bene tenere a mente le nostre intenzioni e obiettivi, in modo che possiamo comportarci in modo da favorirli.

11. Parla in modo diverso con te stesso. Se tendi a parlare duramente a te stesso (ad alta voce o nella tua testa), quando noti che lo stai facendo, impara a interrompere l'azione e fare un passo indietro riflessivo. Nota come ti senti – il tuo battito cardiaco è più alto, ti senti agitato, parli velocemente e in modo critico con te stesso? Pensa a rallentare e ad essere gentile e gentile con te stesso, calmati, rivaluta la situazione e riprova. Alcune persone trovano utile conversare ad alta voce con se stessi: nelle giuste condizioni, fare ciò può essere molto utile.

12. Evita la "Trappola egoista". Un buon numero di noi si innalza per vedere praticamente qualsiasi cosa da fare per prendersi cura di noi stessi come cattivi e, specificamente, "egoisti". Naturalmente, essere eccessivamente egocentrici è problematico per le relazioni, e alla fine autodistruttivo. Potremmo pensare che tutto per noi sia un'indulgenza e un lusso. Molte delle cose che vediamo come extra sono davvero necessarie. Alcuni lussi reali sono grandi di tanto in tanto, e mi sento grato e fortunato di avere tali opportunità, perché non sono sempre lì.

Tuttavia, quando famiglia e cultura / religione insegnano che quasi tutto ciò che ha a che fare con la cura dei propri bisogni è egoista, c'è un problema. Un sacco di tempo, questo è accompagnato da una punizione, sia psicologica ("Sei una ragazza cattiva, perché eri egoista") e / o materiale (ad esempio, andare a letto senza cena, essere colpito, o peggio). Tendiamo a internalizzare gli stessi giudizi morali che diamo a noi stessi. Ciò è rafforzato dai sistemi di credenze che esaltano le virtù dell'estrema sacrificio di sé, persino il martirio – portando a quello che l'analisi classica chiama "masochismo morale". Tutti questi fattori sono i posti di blocco per un buon rapporto con se stessi, ed è importante riconoscere e lavorare su di essi. Riconoscere che essere "auto-ish" può essere definito in modi positivi e negativi.

Twitter: @GrantHBrennerMD

LinkedIn: https://www.linkedin.com/in/grant-hilary-brenner-1908603/

Sito Web: www.GrantHBrennerMD.com

Solutions Collecting From Web of "12 chiavi per una grande auto-relazione, a partire da ora"