11 settembre, Evolution and the Face of Hell

Glenn Geher
Fonte: Glenn Geher

Probabilmente ricordi dove eri quando hai saputo che gli aerei avevano colpito le Twin Towers l'11 settembre 2001. Mi stavo preparando per il lavoro. Mia figlia Megan, allora 11 mesi, era nel suo Pack-and-Play. Ho acceso la TV per mettere su uno spettacolo senza cervello che le piaceva e che recitava un polpo e un bassotto che erano amici. Ma prima che potessi passare a Nick Jr., ho visto le ultime notizie del giorno sullo schermo. Erano circa le 9:00. Le torri gemelle accese erano presenti in quasi tutte le stazioni, tranne che per Nick Jr. che, fortunatamente per me e Megan, non modificava la programmazione programmata regolarmente. Oswald il polpo e Weenie il bassotto presero lo schermo e Megan fu la sua gioiosa auto – ridacchiando.

Posso essere il caso peggiore nel mio modo di pensare – così ho immediatamente intuito (accuratamente) cosa era successo. Sono stato scosso. Sono cresciuto nel North Jersey negli anni '70. Le Twin Towers sono state una parte iconica della mia educazione. Siamo andati in cima alla mia famiglia un giorno quando ero un ragazzo. I miei genitori segnalavano sempre le torri ai miei fratelli e me quando guidavo in giro – "Guarda i bambini, puoi vedere le Twin Towers!"

Quello che è successo l'11 settembre in realtà non doveva accadere. Non era il mondo in cui volevo crescere mia figlia.

Ben presto il telefono squillò. Mia moglie Kathy, che all'epoca era al suo posto di lavoro, era in linea. "Le Twin Towers sono appena crollate", ha detto. Stavo ancora guardando Nick Jr. con Megan. Posso essere qualcosa di un repressore e non avrei assolutamente cambiato il canale TV in nessuna condizione.

"Cosa intendi collassato ?! Vuoi dire che alcune parti sono danneggiate? Cosa intendi ?! "Naturalmente, come tutti sappiamo ora, l'uso di Kathy della parola" collassato "è stato assolutamente azzeccato in questo caso. Posso essere piuttosto sensibile e devo dire che non ho affrontato bene la realtà di quello che è successo. Mi ci è voluto un po 'per superarlo.

Il memoriale del World Trade Center

Prima di oggi, mia moglie ed io abbiamo visitato il World Trade Center Memorial – quindici anni dopo. È fantastico. È d'ispirazione. È disgustoso. È potente È emotivamente provocatorio. Non mi ha sorpreso che dovevo lasciare la cauzione a metà strada e dire a Kathy di incontrarmi con la scala mobile. Era un po 'troppo per me.

E naturalmente, essendo quello che sono, l'esperienza mi ha fatto pensare a come la tragedia dell'11 settembre sia radicata in modo importante nelle nostre origini evolutive.

Stimoli e attacchi terroristici supernormali

Come ho scritto dettagliatamente riguardo ai relativamente recenti attacchi di Parigi, attacchi terroristici su vasta scala e cruenti sfruttano i processi psicologici umani di base. In un modo importante, tali attacchi mettono la nostra tendenza a essere influenzati da stimoli supernormali (vedi Tinbergen, 1953). Gli stimoli supernormali sono essenzialmente stimoli che riflettono stimoli altamente esagerati a cui un organismo si è evoluto per rispondere. Gli esseri umani si sono evoluti per essere disgustati e spaventati alla vista del sangue, dal momento che il sangue può segnalare importanti costi correlati alla sopravvivenza. Se ci siamo evoluti per essere altamente stressati e colpiti alla vista di un po 'di sangue, allora la vista e la minaccia di uno spargimento di sangue su larga scala hanno la capacità di creare livelli estremi, evolutivamente innaturali di paura e stress. E questo è esattamente ciò che gli attacchi terroristici sono progettati per fare.

Sfruttamento della sindrome dei giovani maschi

I maschi adulti e giovani adulti sono capaci di comportamenti ad alto rischio, aggressività e scarsa capacità di giudizio – più di quanto lo siano le persone di altri gruppi demografici. Margo Wilson e Martin Daly (1985) hanno trovato prove così forti per questa costellazione di tratti che hanno definito questa "sindrome maschile giovane" – fondamentalmente sottintendendo che il semplice essere un giovane maschio è paragonabile ad avere un disturbo comportamentale. Attraverso processi evolutivi di base come la competizione intrasessuale, gli esseri umani si sono evoluti fino a diventare sessualmente dimorfi quando si tratta di comportamenti a rischio durante la tarda adolescenza e la giovane età adulta. In breve, mentre tutti gli individui di quella fase della vita sono capaci di essere fuorviati, i giovani maschi sono particolarmente propensi a esserlo.

Come qualcuno che era un giovane maschio nel corso della giornata, non discuto affatto con questa concezione di maschi adolescenti.

E l'élite, i potenti leader della storia umana hanno capitalizzato e sfruttato totalmente la natura della sindrome dei giovani maschi. Chi ha beneficiato delle recenti guerre in Iraq? Certamente non i maschi di 20 anni che hanno combattuto in prima linea. Chi è stato per trarre beneficio da qualunque cosa sia accaduta in Vietnam? Non i bambini che sono stati inviati dal nostro governo per portare avanti la guerra.

E lo sfruttamento dei giovani maschi allo scopo di servire un piccolo gruppo con una quantità sproporzionata di potere non è limitato agli Stati Uniti – e non è una cosa recente. I guerrieri romani e greci che erano fuori dalle sanguinarie linee del fronte erano principalmente giovani uomini – al servizio degli obiettivi dell'élite – al servizio degli obiettivi di individui che erano nascosti nei paradisi bevendo vino e mangiando bistecche.

Nel caso dell'11 settembre, per quanto disgustoso possa sembrare, gli individui che hanno effettuato gli attacchi erano soprattutto giovani maschi e chiamarli "mal guidati" sarebbe un eufemismo. Avevano credenze religiose che erano selvaggiamente fuori dal mondo. Pensavano che i loro atti avrebbero portato a un'eternità piena di belle vergini. Pensavano che stavano facendo qualcosa per il bene più grande. Hanno pensato alle loro azioni come "altruiste" nel senso più alto del termine. Pensavano che stessero recitando una specie di imperativo morale. Certo, erano totalmente fuori base – ma, ancora una volta, erano giovani maschi. Essere fuori base è spesso par per questo corso.

Lo sfruttamento dei giovani maschi per servire gli obiettivi dell'élite – qualunque siano questi obiettivi – è una storia umana. E torna indietro nel registro evolutivo (vedi Bingham & Souza, 2009). Con questo ragionamento in mente, il classico della seconda guerra mondiale di Kurt Vonnegut, Slaughterhouse Five , ha il sottotitolo di The Children's Crusade – perché Vonnegut ha capito che la parte del leone di coloro che hanno dato tutto in guerra erano giovani – praticamente bambini. Questa non è una nuova forma di sfruttamento nella nostra specie – e Vonnegut, uno dei più grandi pensatori della storia sulla condizione umana, ha compreso completamente questo punto.

Il dirottamento della religione per servire la potente élite

La religione ha una lunga tradizione nella nostra specie (vedi Wilson, 2002). E se leggi il mio lavoro, puoi notare (come diverse persone mi hanno commentato) che sono molto simpatico alla religione nonostante il mio chiaro approccio evoluzionista alle cose. La religione è stata un catalizzatore per creare legami all'interno di gruppi umani – legami che uniscono le persone attraverso le linee di parentela. In larga misura, la religione è stata una forza importante che ha modellato la nostra natura umana di base.

Ciò detto, non è un segreto che la religione abbia un lato oscuro – e che alcune delle peggiori atrocità che abbiano mai avuto luogo siano state commesse in nome della religione. Nel migliore dei casi, l'attività religiosa può riunire le persone, aiutare a costruire comunità e aiutare le persone a sviluppare valori che coltivino approcci alla vita orientati agli altri.

Ma nel peggiore dei casi, la religione può essere cooptata. Dirottato per così dire. Il nome di Dio è stato usato per chiamare giovani maschi a rischio e sottosviluppati alle guerre in terra straniera. Il nome di Dio è stato citato come catalizzatore di genocidi nel tempo e nel luogo. Il nome di Dio è stato usato per far avanzare le cause dell'omofobia e del razzismo. E sì, il nome di Dio è stato usato dai membri di Al Qaeda sia nella progettazione che nell'attuazione degli attacchi dell'11 settembre 2001.

Linea di fondo

Perché si sono verificati gli attacchi dell'11 settembre? Un sacco di discorso e analisi è là fuori su questo argomento. E, naturalmente, il comportamento complesso alla fine è radicato in molteplici cause. Detto questo, come evoluzionista, trovo molto utile guardare ai principi dell'evoluzione umana per capire il mondo che ci circonda. Da questo punto di vista, sembra chiaro che gli atti dell'11 settembre erano in gran parte radicati in caratteristiche evolute della nostra specie (come la Sindrome di Young Male) – insieme alla tendenza (anche evoluta) della potente élite a sfruttare meccanismi psicologici evoluti in altri per il loro guadagno. In larga misura, questo è quello che è successo in quella terribile giornata.

Sviluppare una comprensione più profonda degli elementi più oscuri della natura umana può aiutarci a prepararci meglio – e forse a prevenire – tali azioni in futuro. Solo con l'incorporazione di principi evoluzionistici le scienze sociali svilupperanno la capacità di aiutarci a comprendere il mondo che ci circonda in modi veramente importanti. Vuoi capire gli eventi dell'11 settembre? Non scontare la psicologia evoluta umana .

Riferimenti

Bingham, PM e Souza, J. (2009). La morte da lontano e la nascita di un universo umano. Lexington, KY: BookSurge Publishing.Tinbergen, N. 1953. The Herring Gull's World. Londra: Collins.

Vonnegut, Kurt (1969). The Children's Crusade (o Slaughterhouse Five). New York, New York: Bantam Doubleday Dell Publishing Group, Inc.

Wilson, DS (2002). La cattedrale di Darwin: evoluzione, religione e natura della società. Chicago: University of Chicago Press.

Wilson, M. e Daly, M. (1985). Competitività, assunzione di rischi e violenza: la sindrome del giovane maschio, Etologia e sociologia, 6, 1, 59-73

Solutions Collecting From Web of "11 settembre, Evolution and the Face of Hell"