10 principi spirituali per guarire la tua vita

Nel corso del tempo, ci sono sempre stati quelli che hanno bisogno di aiuto e quelli che danno aiuto. A volte siamo quelli che hanno bisogno di aiuto e altre volte siamo l'aiuto. È in questo dare e ricevere che la nostra umanità è condivisa e vengono raggiunte le nostre più alte potenzialità. ~ John Bruna

CC0 Public Domain / FAQ
Fonte: Dominio Pubblico CC0 / FAQ

Con le festività di dicembre, Hanukah, Natale, Kwanzaa, la maggior parte di noi viene trascinata in due direzioni apparentemente contraddittorie: il materialismo inerente all'acquisto e al dono, e la generosità dello spirito evidenziata da un maggiore atteggiamento di benevolenza verso se stessi e gli altri. Sebbene il dono di doni materiali agli altri possa essere un'estensione della benevolenza spirituale, la generosità materiale e spirituale sono due cose molto diverse che sono spesso in conflitto. Con il termine spirituale, mi riferisco ad atteggiamenti e azioni relative o che influenzano lo spirito o l'anima umana, in contrasto con beni materiali o fisici.

Molte persone non sono in grado di dare molto in termini di doni materiali, ma praticando la consapevolezza consapevole e l'applicazione di specifici principi, chiunque può diventare più spirituale. I principi spirituali rappresentano valori significativi e pratiche etiche. Mentre l'applicazione dei principi spirituali è enfatizzata nei programmi di recupero in dodici fasi, molti di loro sono universali – hanno fatto parte della maggior parte delle importanti tradizioni spirituali del mondo per secoli.

Alcuni di questi possono sembrare così semplici che non li hai mai considerati "spirituali". Eppure, questo è esattamente ciò che sono. Rappresentano l'antitesi della malattia e dell'autoassorbimento alimentati da schemi abituali di pensiero ossessivo, attaccamento / evitamento emotivo e comportamenti compulsivi che imprigionano così tante persone per la maggior parte del tempo. Tali principi spirituali aprono e addolciscono il cuore, connettendoci più profondamente e intimamente con gli altri, con il mondo che ci circonda e con i nostri sé autentici.

1) Accettazione

L'accettazione riguarda il riconoscimento e l'accettazione della realtà di una determinata situazione. È importante capire che accettare qualcosa non implica che uno sia d'accordo o ne sia felice. Puoi non gradire le situazioni e accettarle ancora. Trovare modi per accettare quelle cose che sono al di fuori del tuo controllo per cambiare fornisce la libertà dal dover combattere contro le realtà che trovi spiacevoli, a disagio o dolorose.

2) Open-Mindedness

Apertura mentale significa essere rispettosi e ricettivi a nuove e diverse possibilità. Ciò include l'apertura a suggerimenti e idee che non abbiamo precedentemente considerato e prospettive che potrebbero essere significativamente diverse dalla nostra.

3) Gratitudine

La gratitudine riguarda il sentire ed esprimere apprezzamento per ciò che abbiamo (per quanto piccolo possa essere). Funziona come un antidoto per attaccamento a ciò che vogliamo ma non abbiamo e avversione a ciò che abbiamo ma non vogliamo. La gratitudine è il contrario del malcontento. La neuroscienza dimostra che la gratitudine riduce lo stress e aumenta il benessere stimolando l'ipotalamo e l'area tegmentale ventrale – parte del circuito di ricompensa / piacere del cervello (Cereb Cortex 2009 Feb; 19 (2): 276-283. Pubblicato online il 22 maggio 2008. doi: 10,1093 / cercatore / bhn080).

Per molte persone, la gratitudine è ardua, perché la vita è ardua. Oggettivamente, alcune persone hanno più di cui essere grati di altri. Eppure, è possibile mobilitare la gratitudine nonostante la privazione o sentimenti di ansia, tristezza, rabbia, depressione, paura o dolore fisico. A volte potresti dover guardare un po 'più difficile per vedere le benedizioni della tua vita, ma c'è sempre qualcosa di cui essere grato, non importa quanto negativa o disperata sembra la situazione.

4) umiltà

L'umiltà consiste nel riconoscere e accettare le proprie attività e passività / punti di forza e di debolezza, sulla base di un'auto-percezione realistica. Come tutti gli esseri umani, non sei né buono né cattivo. Nel praticare l'umiltà, accettiamo che la nostra salute e il nostro benessere siano migliorati dall'assistenza degli altri, oltre che da una connessione a ciò che è al di là di noi stessi. L'umiltà a volte viene descritta come non pensare meno a se stessi, ma piuttosto a pensare a se stessi di meno.

5) Pazienza

La pazienza è la capacità di aspettare senza preoccupazioni o lamentele. È legato alle capacità di tollerare la frustrazione e ritardare la gratificazione. Di fronte a una situazione di disagio o di turbamento, ci vuole pazienza per lasciare passare il tempo prima di rispondere, prendere una decisione o agire. Essere tolleranti e con gli altri è una manifestazione di pazienza.

6) Integrità

Ci sono due livelli di integrità: quando ciò che fai è coerente con quello che dici – quando le tue azioni corrispondono alle tue parole, e quando il tuo aspetto esteriore si adatta a come ti senti al suo interno – quando il tuo aspetto appare agli altri corrisponde al tuo stato mentale ed emotivo interno. Quando mantieni il contatto consapevole con i tuoi valori fondamentali e il tuo comportamento si allinea con i tuoi valori, la pratica dell'integrità diventa naturale.

7) Fede

La fede è la credenza non basata su prove / prove effettive. La pratica della fede include la credenza in un potere al di là di se stessi, insieme a una relazione cosciente con quel potere "superiore". La fede non ha bisogno di avere nulla a che fare con le concezioni popolari o antropomorfiche di Dio, o qualsiasi connessione con la religione organizzata. Oltre al coraggio, ci vuole fede per attraversare ciò che temete, e la più grande fede deriva dal camminare in quelle circostanze di cui avete più paura. Praticare la fede significa abbandonare la necessità di cercare di controllare le persone e le situazioni, credendo che le cose funzioneranno nel modo in cui hanno bisogno (il che potrebbe essere diverso dal modo in cui le si vuole).

8) Perdono

Perdonare è lasciare andare la ferita, la cattiva volontà ei risentimenti che accompagnano le ingiustizie percepite – reali o immaginate – che avete verso altre persone, gruppi o istituzioni. Il perdono può essere esteso agli altri, indipendentemente dal fatto che ammettano la loro parte in una situazione. John Friel, PhD ha descritto il perdono come la volontà di lasciar andare ogni speranza per un passato migliore. Tenersi aggrappati alla cattiva volontà e ai risentimenti è controproducente in quanto ti ferisci più di ogni altro. Gli insegnamenti buddisti si confrontano con l'aggrapparsi alla rabbia con la raccolta di un carbone bollente con l'intento di lanciarlo a qualcun altro. Non importa cosa succede, vieni bruciato. Quando vieni preso dal risentimento, diventi attaccato alla sua fonte, dandoti potere su di te mentre le intense emozioni ti divorano come acido, e i pensieri che guidano quelle emozioni prendono in affitto lo spazio nella tua testa e rubano il tuo tempo e Attenzione. Il perdonatore non riguarda l'approvazione o la condonazione di ciò che è emerso, si tratta di lasciarlo andare. È utile tenere a mente che il perdonare se stessi può essere una parte importante del processo di apprendimento per perdonare gli altri.

9) Autoaccettazione

Perdonare te stesso per le tue malefatte passate fa parte dell'autoaccettazione. L'autoaccettazione è fondamentale e va bene con se stessi senza riserve. È la sensazione che, come essere umano, tu sia "abbastanza buono" esattamente come te, con tutte le tue sfide e imperfezioni. È la comprensione e la conoscenza che nessuno, incluso te, deve essere perfetto per appartenere a questo mondo.

10) Servizio

Il servizio consiste nel fornire contributi intenzionali all'ambiente della qualità, spesso nella forma di restituire o di pagare in avanti aiutando gli altri. Il servizio è solitamente associato al volontariato del proprio tempo ed energia. Questo può essere su base occasionale o specifica per la situazione o un impegno continuo. Il servizio può assumere molte forme diverse: le persone possono essere utili alle loro famiglie, amici, organizzazioni, quartieri, comunità, ecc. La partecipazione al servizio è una parte importante della partecipazione al programma in dodici fasi, in cui l'intento è quello di offrire agli altri allo stesso modo che altri ci hanno dato.

La nostra attenzione è una risorsa preziosa. Qualunque cosa focalizziamo la nostra attenzione tende ad espandersi e ad assumere maggiore importanza. Con la nostra attenzione possiamo innaffiare efficacemente l'equivalente di fiori o erbe infestanti. Di solito, la nostra attenzione deriva inconsciamente e di riflesso dallo stimolo allo stimolo coerente con i pensieri e le immagini che le nostre menti generano continuamente. Praticare intenzionalmente la consapevolezza e l'applicazione dei principi spirituali aiuta ad allenare la nostra mente, rafforzando la nostra capacità di dirigere e mantenere la nostra attenzione in modi che migliorano il nostro apprendimento, la crescita e la guarigione.

Copyright 2015 Dan Mager, MSW

Autore di alcune Assemblee necessarie: un approccio equilibrato al recupero dalla dipendenza e dal dolore cronico

Solutions Collecting From Web of "10 principi spirituali per guarire la tua vita"