10 motivi per cui Facebook non è il "posto più felice sulla terra"

"I social network sono qui per rimanere", è la saggezza convenzionale del giorno. Tuttavia, le mie ricerche su quasi 100 articoli di ricerca su Facebook e sui social media, insieme alla mia esperienza personale, indicano che il social networking causa seri problemi. Certo, ci sono benefici, in particolare per coloro che sono separati dalla geografia o dai problemi di mobilità, o quelli in particolari gruppi che hanno difficoltà a incontrarsi di persona (quelli con malattie croniche, i socialmente ansiosi, ecc.) Ma per la maggior parte di noi, i social network sono una dipendenza occasionalmente piacevole che ha conseguenze a lungo termine. Illustro la psicologia dei social network attraverso una lente buddhista nel mio manoscritto completato, Facebuddha: Trascendence in the Age of Social Networks.

Se vuoi rendere questo libro disponibile, PER FAVORE iscriviti alla mia newsletter trimestrale su www.RaviChandraMD.com. Se tutti quelli che hanno gradito i miei post sul blog si fossero iscritti alla mia newsletter, domani avrei un accordo di pubblicazione. (Tale è l'ironia di criticare i social media – hai bisogno di una presenza sui social media per convincere gli editori che c'è un pubblico per il tuo lavoro!)

La professoressa buddista Sylvia Boorstein ha detto questo: "Raccomando vivamente il manoscritto di FataBuddha di Ravi Chandra, una presentazione meravigliosamente scritta, eccitante ed a volte elegiaca e rapsodica dei potenziali e delle difficoltà di connessione nelle relazioni – specialmente nella nostra era moderna della tecnologia e come visto attraverso un obiettivo buddista. Ravi Chandra è un meraviglioso narratore, uno psichiatra, uno studente e insegnante buddista, un americano asiatico e uno scrittore capace ed eloquente con la capacità e l'esperienza personale di affrontare tutte le questioni contemporanee che questo libro riunisce. Penso che il libro ispirerà molte, molte persone. "

Qui, dal mio capitolo "The Facebook Bardo" ci sono 10 motivi per staccare la spina dai social media (non è affatto una lista esauriente – dovrai leggere il mio libro per saperne di più!):

1. Gelosia

Amy Muise e i suoi colleghi hanno condotto ricerche approfondite sul fenomeno e ne hanno parlato in documenti come "Più informazioni di quanto non si sia mai voluto: Facebook tira fuori il mostro dagli occhi verdi di gelosia?" La risposta è, molto probabilmente, sì . Ha dimostrato che la gelosia dei tratti (o le tendenze innate alla gelosia) era il più potente predittore di "gelosia di Facebook" (su una scala creata per valutare l'esperienza della gelosia nel contesto di Facebook), MA una parte significativa della gelosia di Facebook era positivamente correlata con tempo trascorso su Facebook. Un partecipante allo studio ha dichiarato: "Ero già un po 'geloso e insicuro, ma penso che Facebook mi abbia sicuramente fatto molto peggio".

2. Invidia

Come esseri attenti allo stato, siamo inclini a fare paragoni. Ma normalmente possiamo avere dei limiti che ci impediscono di impigliarsi in essi. Facebook elimina i confini e ci confrontiamo costantemente con gli altri. Peggio ancora, stiamo confrontando il nostro peggior momento ("eccomi, da solo, seduto in pigiama sullo schermo del mio computer") con i momenti migliori degli altri ("guarda me e la mia vita fantastica!")

3. Depressione

Un recente studio di Kross e colleghi ha mostrato in modo abbastanza definitivo che più tempo i giovani hanno trascorso su Facebook, il peggio si è sentito. I soggetti sono stati inviati cinque volte al giorno per due settimane per rispondere a domande sul benessere, sui contatti sociali diretti e sull'uso di Facebook. Le persone che hanno trascorso più tempo su Facebook si sono sentite significativamente peggio in seguito, sostenendo una connessione causale. L'effetto era piccolo ma significativo, anche dopo aver controllato per fattori come la depressione e la solitudine. È interessante notare che coloro che hanno trascorso un periodo significativo su Facebook e hanno anche segnalato livelli moderati o elevati di contatti sociali diretti hanno riferito di un peggioramento del benessere. Gli autori ipotizzano che i confronti e le emozioni innescati da Facebook siano stati portati in contatti reali, peggiorandoli. Questo nonostante altri dati dimostrino che il contatto sociale diretto migliora il benessere soggettivo. Il bardo di Facebook peggiora i nostri sentimenti su noi stessi e potrebbe danneggiare il potere di guarigione delle relazioni del mondo reale. (Kross E, Verduyn P, Demiralp E, Park J, Lee DS, ecc.) L'uso di Facebook predice il declino del benessere soggettivo nei giovani adulti: PLoS ONE 8 (8): e69841. Doi: 10: 1371 / journal.pone .0069841)

4. Bassa autostima: Facebook è un amico narcisistico che ti fa sentire peggio al confronto

All'inizio della mia residenza psichiatrica, ho scoperto che i miei pazienti potevano creare sentimenti in me, al di là delle appropriate reazioni di cura. Alcuni pazienti, dal modo in cui esponevano le loro realizzazioni e conoscenze, mi avrebbero fatto sentire insicuro. L'ho descritto al mio mentore e l'ha immediatamente riconosciuto come un caso di "identificazione proiettiva". Questi pazienti erano narcisisti, con la tendenza a sopravvalutare se stessi e svalutare gli altri – e avevo un "gancio" complementare nella mia psiche per sentirmi insicuro intorno a queste persone. Non appena ho riconosciuto ciò che stava accadendo, la sensazione scomparve e potrei lavorare in modo produttivo con loro.

Cos'è Facebook ma un narcisista incorreggibile, che ti dice sempre quanto sono meravigliosi? E non c'è da stupirsi che molte persone diventino insoddisfatte di Facebook: sono "agganciate" da una forma di identificazione proiettiva, da una fonte collettiva invece che da una singola persona. Uno studio provocatorio di Singapore evidenzia il problema. I soggetti di prova che si trovavano a basso contenuto di narcisismo percepivano in realtà le vite dei loro amici come migliori dei loro, e successivamente valutavano il loro benessere sociale più basso. Le persone più narcisiste tendevano a non farlo, presumibilmente perché all'inizio si sopravvalutano con forza. Inoltre, queste persone narcisiste tendevano a ottenere una visione migliore di se stesse dalle prospettive altrui, mentre era vero il contrario per gli individui meno narcisisti. Facebook sembra essere migliore per le persone egocentriche! (Qiu L, Lin H, Leung AK-y) In che modo la navigazione su Facebook influisce sull'autocoscienza e sul benessere sociale: il ruolo del narcisismo. Atti 2010 della Conferenza internazionale sui progressi nella tecnologia dell'intrattenimento al computer, Taiwan)

5. Stress

L'85% di un campione di studenti universitari ha riportato un certo livello di stress indotto da Facebook (Campisi J, Bynog P, McGehee H, Oakland JC, Quirk S, Taga C, Taylor M. Facebook, stress e incidenza delle infezioni delle alte vie respiratorie nel college universitario studenti Cyberpsychol Behav Soc Netw. 2012 Dec; 15 (12): 675-81)

6. Disturbi alimentari e immagine corporea

Tiggeman e Slater in Australia hanno scoperto che più ragazze adolescenti passavano online e soprattutto su Facebook, più interiorizzavano "l'ideale sottile, la sorveglianza del corpo e l'impulso alla magrezza". (Tiggeman M, Slater A. Netgirls: Internet, Facebook e preoccupazione per l'immagine del corpo nelle ragazze adolescenti Int J Eat Disord 2013, 25 maggio doi: 10.1002 / eat.22141)

7. Glamourizzazione di alcol e droghe, specialmente per i giovani

Facebook e social media possono rimuovere lo stigma dai comportamenti negativi, come l'abuso di alcool e sostanze, e renderli più accettabili, soprattutto per i minori (Litt DM, Stock ML. Cognizioni relative al rischio alcol-adolescenziale: i ruoli delle norme sociali e dei social network Psychol Addict Behav 2011 Dec; 25 (4): 708-13) Uno studio ha rilevato che "ritrarre se stessi come un bevitore è considerato da molti giovani come componente socialmente desiderabile dell'identità" su Facebook, aiutando così a incoraggiare l'alcol abuso. (Riduzione B, Campbell A, Ellis L. "Off your Face (book)": alcol nella costruzione dell'identità sociale online e il suo rapporto con il problema del bere negli studenti universitari Drug Alcohol Rev 2012 Jan; 31 (1): 20-6)

8. Potenzia il tuo narcisismo

Il narcisismo è in aumento e l'empatia è ai minimi storici, secondo alcune ottime ricerche (Zaki J. Cosa, mi interessa? I giovani sono meno empatici. Http://www.scientificamerican.com/article.cfm ? id = ciò che-me-care). Ci sono molte cause, ma Facebook può chiaramente essere uno strumento di auto-amplificazione, e quindi può alimentare il fuoco del narcisismo – l'esatto opposto della trascendenza. Riducendo i tuoi "amici" a un "pubblico", i destinatari di app da cui desideri la convalida, è chiaramente narcisistico.

9. Dipendenza

Il Buddha disse: "la mente, a contatto con esperienze piacevoli, sviluppa il desiderio". Il nostro bisogno di convalida e connessione è una delle ragioni per cui desideriamo stimolare e simulare il contatto che Facebook offre e diventare dipendenti. Ma Facebook Bardo ti porta lontano dal "Life Bardo", che è molto più avvincente e benefico, più capace di condurti alla trascendenza attraverso relazioni profonde, amore e presenza – che non possono essere trovate su Facebook.

10. Una perdita di tempo, la tua risorsa più preziosa

L'utente medio di Facebook trascorre 45 minuti al giorno sul sito. Sicuramente, ci sono modi più positivi per usare il tuo tempo. Nicholas Carr sostiene che guadagniamo di più dalla lettura di libri che dall'essere su Internet. E la lettura dei libri è diminuita di quasi il 10% nell'ultimo anno! Leggere libri, avere una vita attiva nella comunità, fare volontariato – questi sono solo alcuni dei modi in cui il mondo ha bisogno della tua attenzione.

Fai del 2014 l'anno in cui hai scollegato il più possibile, hai trasformato il tuo smartphone in "modalità meditazione" e realizzato un vero social network!

Se ti è piaciuto questo post del blog e vuoi avere la possibilità di saperne di più, iscriviti alla mia newsletter su www.RaviChandraMD.com. Aiutami a combattere la bella lotta per gli umani contro le sirene del Cyborg!

© 2014 Ravi Chandra, MD Tutti i diritti riservati.

Newsletter occasionale per scoprire il mio nuovo libro sulla psicologia dei social network attraverso un obiettivo buddhista, Facebuddha: Trascendence in the Age of Social Networks: www.RaviChandraMD.com
Pratica privata: www.sfpsychiatry.com
Twitter: @ going2peace http://www.twitter.com/going2peace
Facebook: Sangha Francisco-The Pacific Heart http://www.facebook.com/sanghafrancisco
Per informazioni su libri e libri in corso, vedere qui https://www.psychologytoday.com/experts/ravi-chandra-md e www.RaviChandraMD.com

Solutions Collecting From Web of "10 motivi per cui Facebook non è il "posto più felice sulla terra""