10 modi per ridurre l'attenzione per gli smartphone

DepositPhotos/VIA Institute
Fonte: DepositPhotos / VIA Institute

Lasciatemi iniziare dicendo: sono colpevole.

Anch'io cado nelle stesse trappole. Sento la stessa attrazione che fai – è allo stesso tempo allettante e confortante. Ho lo stesso rapporto di odio-amore che fai. Certo, sto parlando della mia relazione con il mio cellulare. C'è sempre un'e-mail da controllare, un testo da consegnare, un sito da cercare, un clic da fare. c'è sempre lavoro da fare e divertimento da avere.

Condivido il mio senso di colpa qui in modo da non incontrare la predica nelle mie osservazioni di seguito o nelle mie strategie su come gestire questo vizio.

Alla domanda, la maggior parte delle persone non direbbe che desiderano dare priorità alla tecnologia rispetto alle persone. Ma, in un micromomente, viene lasciata una conversazione per un rapido controllo del telefono che si trasforma in una ricerca dettagliata … una connessione con una nuova persona è persa mentre rispondiamo a un nuovo post sui social media … la persona in nostra presenza è trascurata mentre prestiamo maggiore attenzione alla persona senza volto nel gioco che stiamo giocando o all'immagine dell'amico di Facebook che ci piace.

Lo sappiamo. Ma noi lottiamo per cambiare. Spesso facciamo fatica ad ammettere che è un problema o, almeno, una brutta abitudine. Siamo pronti a difendere tutti i grandi vantaggi dello smartphone. Può essere difficile essere completamente onesti con noi stessi. Il cambiamento è difficile.

Vedo la nostra stessa mancanza di coscienza, o inconsapevolezza o autopilota vivente, come il colpevole. Ecco le mie osservazioni sulla lezione di nuoto di mio figlio di 5 anni, ieri.

Oggi sono entrato in un mondo diverso.

Entrai nella grande area rettangolare che circondava la piscina. C'erano 20 istruttori di nuoto, ciascuno in diverse corsie, che lavorano con 2-3 bambini in ogni corsia. Altre carrozze nuotavano attorno al rettangolo per monitorare i progressi dei bambini. Gli orologi erano alle pareti ad ogni estremità, temporizzando le lezioni di 30 minuti al secondo. Era una macchina ben oliata: attenta, pignola, impegnata. Fuori dalla piscina, emerse un netto contrasto.

Mio figlio è entrato in acqua per iniziare la lezione. Andai a sedermi sulla panchina più vicina alla corsia di mio figlio, ma trovai un uomo seduto nel punto più vicino. Stava guardando il suo telefono. Non ha alzato lo sguardo. Era come se un letto di rocce si trovasse in cima alla sua testa e spingesse la testa verso il basso piegandolo in modo che la parte posteriore del suo collo potesse baciare il cielo. O forse qualcosa dal telefono lo spingeva in avanti – forse stava assistendo a un'emergenza a casa? O forse stava aspettando un'e-mail che lo avrebbe informato se sarebbe stato assunto o licenziato? O stava semplicemente allungando il collo?

Andai a cercare un posto sulla panchina, molto più lontano dalla corsia di mio figlio. Mi sono guardato intorno e sembrava che altri stessero vivendo la stessa afflizione dell'uomo nel mio caso. C'erano coppie, genitori single, nonni e famiglie sui banchi. Molti sono stati spinti in avanti, verso il basso, dal loro telefono. Per curiosità, ho contato il numero di persone che guardavano i loro figli e il numero di persone sui loro telefoni. Ho fatto questo conteggio in diversi punti durante la lezione. La percentuale variava dal 50 al 75% delle persone che prestavano attenzione al proprio telefono rispetto al proprio figlio.

E poi il kicker. Mi sono girato alla mia destra e ho visto una nonna sul suo telefono. Sembrava piuttosto incuriosita e felice, raramente alzando gli occhi mentre le sue due nipotine nuotavano da un'estremità della corsia all'altra. Ho notato una delle sue nipoti nuotare fino al bordo della piscina, a circa 5 piedi da sua nonna, e ha cominciato a salutarla. La nonna non se ne accorse. La nipote continuava a salutare con un sorriso. Niente. Quindi, ha iniziato a chiamare "nonna" e ancora nessuna risposta. Ero incoraggiato dalla perseveranza della nipotina, ma non sapeva che un dispositivo elettronico stava causando una perseveranza ancora maggiore nell'attenzione della nonna. Lo smart-phone aveva vinto, dominando questa particolare interazione. La cosa andò avanti per un minuto intero fino a quando non potei più prenderlo, così picchietti la nonna sulla spalla e indicai la ragazza che saluta nella piscina. Ha condiviso un sorriso, fatto un commento incoraggiante o due, e tornò al suo telefono.

Cosa possiamo fare a riguardo?

  1. Innanzitutto, dovresti chiederti: c'è qualcosa che voglio fare al riguardo? Forse sei soddisfatto del tuo rapporto tra tempo di tecnologia e tempo di famiglia. Ogni individuo e famiglia dovrebbe riflettere su questo e prendere la propria decisione.
  2. Per molti di noi, il primo passo è ammettere, umilmente, che questo è un problema – una sfida. Possiamo dire – "Sono sul mio telefono troppo", "a volte privilegio la mia tecnologia sulla mia famiglia" – e dichiarazioni simili che riflettono la realtà onesta.
  3. Impostare le regole in anticipo. Per esempio, quando vado alla lezione di nuoto settimanale di mio figlio, ho una regola personale che userò il mio telefono solo per scattare una foto di mio figlio nell'acqua o per mandare messaggi a mia moglie riguardo alla pianificazione della cena. Nessuna eccezione. Una tale regola, anche per un breve periodo di tempo, non solo libera, ma catalizza la consapevolezza per me.
  4. Crea un tempo tecnologico – il rapporto famiglia tempo che è l'ideale per te. Quale percentuale di tempo speso per tecnologia e tempo trascorso con la famiglia è realistica per te? Quale sarebbe un buon equilibrio? Immagina se una telecamera ti fosse addosso per tutto il giorno e osservando il tuo rapporto, saresti orgoglioso di ciò che è stato osservato? C'è un obiettivo a cui potresti lavorare?
  5. Dare priorità ai valori dei caratteri. Quali sono i tuoi punti di forza più alti? Quale dei 24 punti di forza apprezzi di più? Di quale vorresti vivere? Conoscerli può aiutarti a costruire un rapporto ottimale e regole personali per vivere.
  6. Esamina le tue "cause". Spesso ci rivolgiamo ai nostri telefoni per una rapida stimolazione o per un caso di curiosità. Lo facciamo perché siamo annoiati dal momento, irritati per qualcosa, aspettando con ansia una risposta o un "mi piace", leggermente turbato e che richiede una distrazione, e una miriade di altri motivi – tutti e tutti questi motivi sono foraggio per il nostro consapevolezza. Possiamo portare la nostra attenzione consapevole a questi impulsi ed emozioni sottili per comprenderli meglio e persino trascenderli.
  7. Impostare una tecnologia veloce. Ci sono molti modi per farlo, ad esempio:
    • Impostare un giorno di digiuno una volta alla settimana (ad esempio, ogni domenica) per nessuna tecnologia o nessun uso del telefono.
    • Impostare i periodi di digiuno ogni giorno (ad esempio, nessun uso del telefono dopo le 21:00 o prima delle 9:00).
      • Mentre potrebbe essere interessante per risvegliarsi e rivolgersi al tuo telefono come saluto del mattino, può essere ugualmente interessante per consentire al tuo cervello di coinvolgere il giorno, il sole del mattino, un bicchiere d'acqua, libero da informazioni tecnologiche.
  8. Configura le zone senza tecnologia. Rendere offensive alcune attività e rituali per l'uso del telefono (ad esempio, il tavolo da pranzo, la camera da letto, mentre si è in una data, ecc.).
  9. Ottenere un accordo reciproco tra gli altri membri della famiglia. Siete tutti coinvolti in questo – individuate digiuni, tecnologie free-zone e altri principi guida che funzionano per la vostra famiglia. Incoraggia e sostieni l'un l'altro in un modo gentile e non giudicante.
  10. Dai priorità ai rituali che non richiedono tecnologia: una pratica spirituale, una meditazione quotidiana, una passeggiata pacifica, una routine yoga. Tali rituali che offrono consapevolezza di percolazione ci danno un contrappeso mentale.

Riferimento :

Niemiec, RM (2014). Consapevolezza e forza del personaggio: una guida pratica alla crescita . Boston: Hogrefe.

Solutions Collecting From Web of "10 modi per ridurre l'attenzione per gli smartphone"