10 libri di influenza

Qui, con alcuni commenti su ciascuno, sono i primi 10 libri che mi hanno influenzato nella mia carriera di economista austro-libertario. Non farò commenti sostanziali su ciascuno di essi. Piuttosto, intendo personalizzare le mie impressioni su ciascuno, e indicare cosa hanno significato per me.

1. L'azione umana di Ludwig von Mises è in testa alla mia lista. Ricordo, affettuosamente, bene, in un modo imbarazzato, uno dei miei primi giorni nel movimento. Ero nella casa di Murray Rothbard, che di recente mi aveva convertito alla posizione anarchica, e ho visto una foto di Mises sul suo muro. Ho sfidato Murray: "Perché hai una foto di Mises sul tuo muro; non è un anarchico, è uno statalista? "Murray mi sorrise gentilmente e disse che avrei capito uno di questi giorni. Mi sento così imbarazzato ora, che ero un tale idiota allora, ma, suppongo, la confessione fa bene all'anima. Uno dei grandi vantaggi dell'essere associato al Mises Institute è che posso andare ad un seminario di una settimana in cui un gruppo di noi, vecchi e giovani studenti, mastica questo libro. È un'esperienza molto esilarante per non dire altro. Come risultato di questi seminari, oltre a leggere da solo, devo aver attraversato l' azione umana , oh, forse, una dozzina di volte nella mia vita. Non l'ho letto ogni volta, ma, ragazzo mio, ne traggo qualcosa ogni volta che lo guardo. Non mi piace vantarmi, ma in realtà ho incontrato Mises. Ho frequentato l'ultimo seminario che ha tenuto alla New York University. Era molto debole allora, non riusciva a parlare, non riusciva a sentire le domande poste a lui; ma che onore essere stato nella stessa stanza con questo gigante della libertà e dell'economia razionale. Il Mises Institute organizza anche un seminario di una settimana durante l'estate dedicato allo studio di questo libro.

2. L' uomo, l'economia e lo stato di Murray N. Rothbard sono un secondo vicino per me. In effetti, la decisione su quale sia il primo a venire, e quale sia il secondo, HA o MES, è stato estremamente difficile per me. È simile per me alla scelta tra Bach e Mozart, i miei due compositori preferiti. Per me, ci sono pochi piaceri più grandi della lettura di uno di questi due libri, mentre si ascolta la musica di questi due compositori. Ho iniziato a leggere MES nei primi giorni della mia associazione con Murray, verso il 1966. Era un'esperienza schizofrenica. Durante il giorno leggevo questo libro e di notte andavo a casa sua a giocare a Risk, a spettegolare, a ridere (Uno dei "problemi" che i suoi seguaci avevano con lui erano i crampi allo stomaco di un'ora e un'ora di risate ) e discutere seriamente di economia, politica, storia, filosofia, praticamente tutto sotto il sole. La mia stranezza si manifestava nel modo seguente: non riuscivo a capire perché questo grande uomo si sarebbe accontentato di avere qualcosa a che fare con un giovane senza valore. Ero uno studente per l'amor di Dio, non avendo mai compiuto nulla; era per l'austro-libertarismo ciò che Bach e Mozart sono per la musica. Così, ho deciso di provare a diventare degno di essere nella sua augusta presenza. Come? Essendo ipercritico di lui. (Non chiedermelo: ero uno strambo, lo sono ancora in qualche modo, anche se almeno alcuni dei miei lati grezzi sono stati buttati giù nel tempo.) Sono sorpreso che abbia avuto tanta pazienza con me. Ripensando a questa esperienza, ora vedo che tutto ciò che voleva fare era, incredibilmente, essere amico di me. Immagino di non essere pronto per quello in quegli anni. Fortunatamente, più tardi, sono stato in grado di accettare la sua amicizia. Non riesco a spiegare completamente cosa significasse per me essere un vero amico di Murray Rothbard per decenni. Non va molto meglio di così.

3. e 4. Per una nuova libertà e l'etica della libertà di Rothbard. Non so perché, ma ho sempre visto questi due libri come parte di un volume più ampio (simile alla fusione di Uomo, Economia e Stato con Potere e Mercato ). Si spiega di cosa si tratta in senso filosofico, l'altro come funzionerebbe da un punto di vista pratico. Sono stato particolarmente preso dall'eviscerazione di Murray, alla fine di The Ethics , delle opinioni di Isaiah Berlin, FA Hayek e Robert Nozick. Probabilmente, se dovessi essere preciso, menzionerei tre o quattro altri libri di Murray nella mia top ten. Ma, io non sono nulla se non un credente nell'azione affermativa, in questo caso per altri studiosi che mi hanno influenzato. Ovviamente, la mia carriera è modellata, almeno al meglio delle mie capacità, nell'esempio di Murray. A volte sono stato chiamato "una pallida copia carbone di Rothbard". Era inteso come un insulto, ma considero questa la più alta forma di lode possibile.

5. Atlas Shrugged di Ayn Rand è il mio quinto libro più influente, ma è di gran lunga il mio romanziere preferito (il mio secondo preferito è Chaim Potok). Questo libro è stato pubblicato per la prima volta nel 1957 e più di 50 anni dopo è ancora in vendita come le torte calde. Atlas è accreditato con la conversione di più persone al libertarismo rispetto a qualsiasi altro libro. Diamine, più di ogni altro 10, 20 e forse 100 libri. La Random House-Modern Library ha esaminato una volta i loro clienti per verificare i loro libri preferiti e, avete indovinato, Atlas si è aggiudicata il primissimo posto tra le centinaia menzionate nella loro lista; sorprendentemente, altre tre delle sue pubblicazioni fecero anche la top ten. Hanno anche interrogato i loro dipendenti, ma nulla di scritto da Ayn Rand è apparso da nessuna parte in quella lista dei 100 migliori. (Ringrazio Mike Peinovich per avermi indirizzato a questo URL.) Ho letto per la prima volta Atlas nel 1963, quando avevo 22 anni. L'ho letto dritto (tranne per quell'orrido discorso di Galt); Semplicemente non potrei metterlo giù. Da allora, l'ho letto ogni 10 anni circa, ad un ritmo più moderato; ma ne traggo sempre molto ogni volta. Alcuni, i libertari, persino criticano Atlas come semplicistico, unidimensionale, scritto male. Per quanto mi riguarda, le parole che lei ha scritto hanno fatto balzare la pagina al lettore, afferrarlo per la gola e non lasciarlo mai più. Questo è un magnifico romanzo.

6. L' economia di Henry Hazlitt in una lezione . Semplicemente adoro questo libro. Ho basato la mia stessa Difesa su di esso: ognuno di loro ha una "lezione" di base, seguita da diverse dozzine di capitoli che la illustrano. A parte questo, il mio pietoso sforzo non merita di essere menzionato nella stessa frase del suo. Uno dei più grandi onori che ho avuto è stato quello di essere invitato a preparare un'introduzione per la pubblicazione di Economics in One Lessing da parte del Mises Institute. Scriverlo è stato davvero un lavoro d'amore. Uso questo libro e Atlas come letture integrative ogni qualvolta insegno economia introduttiva. I due, insieme, furono i più strumentali nel convertirmi in un capitalismo laissez faire; perché non li eseguo entrambi dai miei studenti? Lascia che ti dica come sono venuto a leggere entrambi questi libri all'incirca nello stesso periodo. Ero un anziano del Brooklyn College nel 1963, quando Ayn ​​Rand teneva le conferenze lì. Sono venuto a fischiare e sibilarla, dal momento che lei prediligeva la libera impresa, e tutti quelli con cui sono mai entrato in contatto fino a quel momento sapevano perfettamente che i mercati competitivi erano responsabili di fame, disoccupazione, depressioni, inflazioni e negozi di sudore (malattie e odore del corpo, anche). Io ero un tipo ebreo di Brooklyn Pinko Commie (questa è una ridondanza, il grande dibattito nella mia famiglia era tra i comunisti portatori di carte e i socialisti liberali di sinistra). Comunque, dopo la sua conferenza, il gruppo di studio di Ayn Rand che l'aveva invitata al campus annunciò che ci sarebbe stato un pranzo in suo onore. Qualcuno potrebbe partecipare, anche se non sei stato d'accordo con lei, ci è stato detto. Non avevo fatto il pieno di fischi e fischi, così sono andato. Quando sono arrivato, ho trovato un lungo tavolo con circa 25 persone per lato, con Ayn Rand seduta in testa, e i suoi luogotenenti principali (Leonard Peikoff, Alan Greenspan, Nathaniel Branden, Barbara Branden) erano affiancati. Sono stato relegato ai piedi del tavolo. Mi sono rivolto al mio vicino e ho cercato di discuterne, ma ha detto che le persone che sapevano di tutto questo erano seduti all'altro capo del tavolo. Quindi, giovane chutspanick che ero in quel momento (ora sono un vecchio chutspanick), ho messo la mia testa tra Nathan e Ayn's, e ho detto che c'era qualcuno che voleva impegnarsi in un dibattito sul socialismo contro il capitalismo. Hanno chiesto chi era questa persona? Ho detto che ero io. Branden era molto gentile con questo mio comportamento impertinente. Ha detto che sarebbe venuto dall'altra parte del tavolo per parlarmi di questo, in due condizioni. Innanzitutto, non permetteremo che il nostro dibattito cali dopo questa sessione; avremmo continuato fino a quando non avremmo sentito che si sarebbe sistemato tra noi. E secondo, vorrei leggere due libri che mi raccomanderebbe. Bene, ho letto i libri Rand e Hazlitt, sono andato nel suo appartamento una mezza dozzina di volte e sono stato convertito da lui, con l'aiuto di questi altri oggettivisti che ho menzionato sopra. La mia impressione di Ayn Rand da vicino era di grande passione. Aveva gli occhi più brillanti che abbia mai visto. Ha irradiato energia.

7. Carl Menger, Principi . Questo è un libro attentamente organizzato e di ispirazione. Menger è il padre dell'economia austriaca, e che inizio ha fatto. I principi sono scritti magnificamente e semplicemente e racchiudono un messaggio potente. L'analisi dettagliata di Menger sul mercato dei cavalli vale da sola l'intero prezzo di ammissione. Mi ero aspettato che la mia laurea in Columbia fosse qualcosa di simile a questo libro, oltre a Human Action , Man, Economy and State , e ai libri che saranno elencati di seguito da Hayek e Böhm-Bawerk. Ragazzo, sono stato sempre deluso. Non era niente del genere. Invece, è stata un'esperienza torturata di matematica, statistica, econometria, con un po 'di socialismo e analisi neoclassica tradizionale lanciata in buona misura. Ero annoiato dalle lacrime. Ma la mia alternativa stava andando a combattere da qualche parte nel sud-est asiatico di cui non avevo sentito molto parlare, quindi l'ho tirato fuori.

8. Lysander Spooner, No Treaso n. Ritorno alla teoria libertaria dall'australismo. Nessun anarco-capitalista dovrebbe dare questo libro come pass. Fornisce una magnifica prospettiva sullo stato. Nessuno guarderà mai al governo nello stesso modo in cui lo hanno fatto prima di leggere questo libro. Ti fa sedere, fai attenzione e inizia a tifare e ad applaudire. Le tasse sono giustificate? È lo stato? Che dire del fatto che votiamo? Pagare le tasse? Nessuno si occupa di questo tipo di domande meglio di Lysander Spooner. Se non sei ispirato da questo libro, probabilmente non hai un impulso.

9. Hayek, prezzi e produzione . Questo volume sottile, a mio parere, è il miglior lavoro di Hayek. Immagino che la sua analisi "triangolare" della struttura della produzione abbia influenzato il capitolo di Man, Economia e Stato sulla teoria del ciclo economico austriaco. Quel diagramma, in ogni caso, non si trova in Mises. Anche se sono diventato di recente un critico di questo modo di presentare l'ABC, una completa rivelazione, ho una confessione da fare: continuo a pensare in termini di triangolo per le domande macro. E quando lo faccio, penso bei pensieri su Hayek.

10. Eugen von Böhm-Bawerk, capitale e interessi . La cosa che mi ha colpito di più di questo libro è stata la sua intensità e attenzione ai dettagli. Questo autore ha attraversato, apparentemente, ogni teoria di interesse mai proposta da nessuno. E sottopose ciascuno a una confutazione così atroce e dettagliata che mi lasciò senza fiato. Confesso che questo mi ha colpito in me, e ho adottato questo stile nel mio lavoro. Sono orgoglioso e onorato di essere un membro della stessa scuola di pensiero di Böhm-Bawerk.

Ecco un po 'di rivelazione: sono stato ispirato a scrivere dei 10 libri che mi hanno influenzato di più di Tyler Cowen. Invita gli altri a seguire il suo esempio in questo senso, e sono felice di farlo.

Devo dire che sebbene siamo entrambi economisti austro-libertari, la nostra comprensione di questo concetto deve essere molto diversa, poiché vi è una sovrapposizione molto piccola tra le nostre due liste. Bene, nessuno, questo è. Non c'è un solo libro che appare nella top ten hit hit di entrambi.

Tuttavia, ci sono alcune delle sue selezioni che potrei aver incluso nelle mie menzioni d'onore, se avessi scelto di evidenziarle. Ad esempio, mi piacciono molto le sue seconde, terze e quarte scelte: The Incredible Bread Machine , di Susan Love Brown, et al., Capitalism: The Unknown Ideal , di Ayn Rand e Friedrich A. Hayek's Individualism and Economic Order . Questi tre, a mio parere, appartengono certamente agli scaffali di quelli di noi che sostengono il capitalismo del laissez faire.

Ma sono perplesso, scioccato e francamente inorridito dal suo quinto libro, John Maynard Keynes, The General Theory of Employment, Interest and Money . Beh, forse, a malapena, è importante "tenere i tuoi amici vicini, ma i tuoi nemici ancora più vicini." Quindi, ammetto che è importante studiare il contributo dei nostri nemici intellettuali, forse, anche più attentamente di quelli di i nostri mentori. Questo non è esattamente il modo in cui guardo la questione, ma, che diamine, diversi tratti per le diverse persone austro-libertarie.

Questo, tuttavia, non è affatto ciò che il Professor Cowen ha in mente. Invece, dice di questo autore "Keynes è uno dei più grandi pensatori di economia e ci sono nuove idee praticamente su ogni pagina." Beh, ammetto che ci sono alcune nuove idee, ma vorrei sfidare Cowen a specificare qualsiasi cosa fosse vera . D'altra parte, forse avrei dovuto vederlo arrivare. Dopotutto, sono il co-autore di un articolo che porta questo professore di George Mason University a occuparsi delle sue idee sulla macroeconomia: Barnett, William II e Walter Block. 2006. "Tyler Cowen sulla teoria del ciclo economico austriaco: una critica." New Perspectives on Political Economy , vol. 2, n. 2, pagg. 26-84. Alla luce di ciò, forse dovrei ripensare alla mia caratterizzazione di Cowen come "austro-libertario". (Ho inviato questo articolo due volte al professor Cowen, chiedendogli di scrivere una risposta.) La prima volta che l'ho fatto è stato fuori collegiale considerazione, apprezzo certamente essere stato messo al corrente delle critiche delle mie pubblicazioni e mi è stata offerta la possibilità di scrivere una controreplica, quindi ho pensato che avrebbe gradito essere informato dell'esistenza della mia critica al suo libro sull'ABCT. perché ho capito, ho dimenticato che l'avevo già fatto. Ehi, pubblico molte critiche e, a quasi 70 anni, l'Alzheimer mi sta rapidamente insinuando, sono solo felice di non essere ancora il palcoscenico sbavante Cowen non si è mai dato da fare per scrivere una controreplica alla mia e alla critica di Bill Barnett del suo lavoro, anche se non si stanca mai di ricordare alla gente che gli ho inviato questo articolo due volte.)

Quando era un giovane ragazzo, un enfente terribile, Tyler Cowen era un solido austro-libertario. Ha mostrato una grande promessa di essere uno dei leader della sua generazione del movimento a sostegno di questa filosofia politica economica. Questo non è vero da un po 'di tempo, sfortunatamente. Forse Cowen ha letto troppo del suo sesto libro più influente, l' Autobiografia di John Stuart Mill. Di questo dice: "Questo [libro] mi ha fatto pensare a come le idee cambiano, e dovrebbero cambiare, nel corso della vita." Penso che saremmo stati tutti migliori, molto meglio, senza così tanto " modificare."

Non chiedermi perché, ma avendo discusso i miei libri preferiti, quelli che mi hanno influenzato di più, mi sento obbligato a elencare almeno, ma non discutere, i miei compositori preferiti, alcuni dei quali ho menzionato sopra. Quindi, ecco qui:

Mozart
Bach
Handel
Vivaldi
Beethoven
Rossini
Haydn
Scarlatti
Corelli
Donizetti
Albinoni
Telemann
Rimsky-Korsakov
Boccherini
Dittersdorf
Schubert
Tchaikovsky
Respighi (ma solo per Ancient Airs and Dances)
Pachelbel

Solutions Collecting From Web of "10 libri di influenza"