10 domande sul bilinguismo

Quando uno studio recente ha rivelato che l'esposizione precoce a più lingue promuove lo sviluppo di efficaci capacità comunicative, ha aggiunto all'elenco consolidato dei benefici del bilinguismo (ad esempio, controllo esecutivo potenziato, sviluppo della memoria di lavoro, esordio ritardato del declino cognitivo). Oltre a vari vantaggi cognitivi e sociali, la conoscenza delle lingue straniere può portare con sé alcune opportunità degne di nota. All'inizio dei nostri viaggi di apprendimento della lingua, ad esempio, c'è il brivido di ascoltare le nuove parole nelle nostre voci; la fretta di navigare attraverso flussi di frasi che solo pochi mesi fa erano impermeabili. Poi, c'è la possibilità di scoprire una scorciatoia nel cuore delle culture che stiamo esplorando. A volte, è la semplice comodità di trovare la parola giusta per esprimere un sentimento (o ordinare una birra). E poi altre volte, è l'invito a guardare il mondo (e noi stessi) sotto una nuova luce.

Secondo alcune stime, più della metà della popolazione mondiale è bilingue. Tuttavia, tra i ricercatori e gli studenti di lingue persistono anche le affascinanti capacità di parlare più lingue. Ecco 10 risposte alle domande dell'esperto di bilinguismo François Grosjean, autore del blog "La vita come bilingue" di Psychology Today e del libro Bilingual: Life and Reality.

1) Quando sei considerato bilingue?

I bilingui sono quelli che usano due o più lingue (o dialetti) nella loro vita quotidiana. Per troppo tempo, i bilingui sono stati erroneamente visti come coloro che sono ugualmente e pienamente fluenti nelle loro lingue. Questo è molto raro, e questa definizione più realistica del bilinguismo ha permesso a molte persone che vivono con due o più lingue di accettare quello che sono: bilingue, semplicemente (vedi qui).

2) Ci sono differenze nel cervello dei bilingui e monolingui?

In una recente intervista sul mio blog, un ricercatore leader nel campo, il Dr. Ping Li della Pennsylvania State University, sostiene in modo convincente che non esiste una "corteccia monolingue" o "corteccia bilingue", ma piuttosto che il cervello utilizza le stesse strutture neurali e risorse per gestire le lingue bilingue, ma in modi diversi (vedi qui).

3) Gli adulti possono imparare a parlare una lingua straniera senza accento?

I ricercatori non sono d'accordo su un limite di età che distingue tra non avere un accento in una seconda lingua e averne uno, ma di solito viene dato intorno ai 10 o 12 anni, anche a 15 anni. Ci sono resoconti di persone altamente motivate, come insegnanti di lingue, che hanno imparato una lingua più tardi nella vita, ma hanno compensato questo svantaggio con intensi contatti con madrelingua, soggiorni prolungati nel paese in questione, lo studio della fonetica e della pronuncia e così via su, e quindi chi può "passare" come madrelingua della lingua.

4) È possibile essere ugualmente abili in L1 e L2?

La maggior parte dei bilingui usa le loro lingue per scopi diversi, in situazioni diverse, con persone diverse. Quindi, semplicemente non hanno bisogno di essere ugualmente competenti in tutte le loro lingue. Il livello di fluidità che raggiungono in una lingua (più specificamente, in un'abilità linguistica) dipenderà dal loro bisogno di quella lingua e sarà specifico del dominio. Ho chiamato questo il principio di complementarità (vedi qui). È estremamente raro che i bilingui abbiano pari competenza nelle loro lingue.

5) I genitori dovrebbero essere diffidenti nei confronti dei loro bambini bilingue che mescolano le lingue (cioè dovrebbe essere impedito il cambio di codice L1-L2 all'interno delle frasi)?

La mescolanza delle lingue nei bambini è normale, specialmente se i genitori sono essi stessi bilingue e mescolano anche le loro lingue. Il cambio di codice e il prestito nei bambini non sono un fattore di quanto bene acquisiranno e manterranno due o più lingue. Aspetti molto più importanti sono quando le lingue vengono acquisite, quale strategia bilingue usano i genitori, se i bambini hanno una reale necessità per ogni lingua, quale tipo e quantità di input viene utilizzato per ciascuna lingua e su quale altro supporto linguistico i genitori possono contare ( Vedere qui).

6) I bilingui sognano in diverse lingue?

In una piccola indagine che ho intrapreso, circa il 64% dei bilingui e dei trilingui ha dichiarato di aver sognato in una o nell'altra lingua, a seconda del sogno (cioè quando una lingua era coinvolta, ovviamente). Ancora una volta, il principio di complementarità è al lavoro qui: a seconda della situazione e della persona che stanno sognando, useranno la lingua, l'altra o entrambe (vedi qui).

7) Parlare in lingue diverse influisce sul modo in cui i bilingui si sentono e pensano?

Alcuni bilingui riferiscono di essere diversi in ciascuna delle loro lingue. È stato persino proposto che i bilingui cambino personalità quando cambiano lingua. Ho scritto due post su questo argomento (qui e qui) e, fondamentalmente, quello che viene visto come un cambiamento nella personalità è molto probabilmente semplicemente uno spostamento di atteggiamenti e comportamenti che corrispondono a un cambiamento di situazione o contesto, indipendente dal linguaggio. Questo vale anche per i monolingui – possono comportarsi diversamente e talvolta cambiare atteggiamenti e sentimenti con persone diverse anche se la lingua è la stessa.

8) Quando parlano i bilingui, traducono mentalmente da L1 a L2?

La traduzione da L1 a L2 si trova principalmente nelle prime fasi dell'acquisizione della seconda lingua. Quando le persone diventano bilingue, cioè usano due o più lingue nella vita di tutti i giorni, non le traducono più o lo fanno solo in rare occasioni.

9) Quando i bambini vengono introdotti in due lingue contemporaneamente, in che modo influisce sul loro sviluppo? (es. Ritarda il loro discorso? Finiscono con un vocabolario più piccolo in ogni lingua?)

Un vecchio mito che circonda il bilinguismo è che i bambini bilingui sono in ritardo nello sviluppo del loro linguaggio. Semplicemente non ci sono prove di ricerca in tal senso e ora sappiamo che il loro tasso di acquisizione del linguaggio è lo stesso di quello delle loro controparti monolingue (vedi qui per altri miti). Per quanto riguarda la conoscenza lessicale nei bambini bilingui, discuto questa complessa questione in un post che mostra che i bambini sono influenzati dal Principio di Complementarità, così come gli adulti (vedi qui).

10) Quale pensi che sia il più grande vantaggio del bilinguismo?

Invece di concederne uno solo, permettetemi di elencarne alcuni presentati dai bilingui stessi: possono comunicare con persone diverse, di culture diverse, in paesi diversi; hanno l'impressione che conoscere diverse lingue li aiuti ad acquisire altre lingue; il bilinguismo favorisce l'apertura mentale, offre diversi punti di vista sulla vita e riduce l'ignoranza culturale; ti offre anche maggiori opportunità di lavoro e una maggiore mobilità sociale. Per una discussione di questi vantaggi e di altri, vedi qui.

Mille grazie a François Grosjean per essere stato generoso con il suo tempo e le sue intuizioni.

Bibliografia:

Bialystok, E., Craik, FI, & Luk, G. (2012). Bilinguismo: conseguenze per la mente e il cervello. Tendenze nelle scienze cognitive, 16 (4), 240-250.

Carlson, SM, & Meltzoff, AN (2008). Esperienza bilingue e funzionamento esecutivo nei bambini piccoli. Developmental Science, 11 (2), 282-298.

Fan, SP, Liberman, Z., Keysar, B., & Kinzler, KD (2015). Il vantaggio dell'esposizione: l'esposizione anticipata a un ambiente multilingue promuove una comunicazione efficace. Psychological Science, 26 (7), 1090-1097.

Morales, J., Calvo, A., & Bialystok, E. (2013). Sviluppo della memoria di lavoro in bambini monolingue e bilingue. Journal of Experimental Child Psychology, 114 (2), 187-202.

Solutions Collecting From Web of "10 domande sul bilinguismo"