020. Thorndike & Watson: padri fondatori del comportamentismo

La psicologia … è un ramo sperimentale puramente oggettivo delle scienze naturali. Il suo obiettivo teorico è la previsione e il controllo del comportamento. L'introspezione non costituisce una parte essenziale dei suoi metodi . JB Watson; "Psychology as the Behaviorist Views It" (1913)

Riprendendo da dove avevamo lasciato l'ultima volta: il tardo diciannovesimo secolo e l'inizio del ventesimo secolo erano un periodo inebriante (nessun gioco di parole) per le scienze cognitive. Nel tentativo di trascinare la psicologia fuori dal regno del mercenario, una branca della psicologia ha scelto di limitarsi interamente al comportamento osservabile esternamente e ai fattori che potrebbero essere mostrati per influenzarlo (da qui il nome per questo campo di attività: il comportamentismo ). Edward Thorndike (1874-1949) e John Broadus Watson (1878-1958) sono i "padri" del comportamentismo americano.

Thorndike studiò il modo in cui gli animali fuggivano dalle gabbie. In molte prove, gli animali nei suoi esperimenti avevano bisogno di sempre meno tempo per fuggire. Thorndike ipotizzò che uscire dalla gabbia fosse attraente per l'animale, quindi l'esperienza di ottenere un rinforzo libero si era verificata proprio prima della fuga. Ha chiamato questa la legge dell'effetto, scrivendo: "Di diverse [possibili] risposte … quelle che sono … seguite da vicino dalla soddisfazione per l'animale … saranno più propense a ricorrere. Quelli che sono … seguiti dal disagio per l'animale … avranno meno probabilità di verificarsi. "(Thorndike, E. Animal Intelligence, 1911. Disponibile on line da: Classics in the History of Psychology: http://psychclassics.yorku.ca /Thorndike/Animal/chap2.htm.) Thorndike non ha mai detto nulla riguardo all'animale che "pensa" la sua strada verso una soluzione, poiché "pensare" non era qualcosa che poteva osservare o misurare. (Anche Thorndike era interessato a vedere se gli animali fuggivano più velocemente se avessero avuto la possibilità di osservare prima un altro animale, per questo studiò i gatti, scoprendo che lasciare che un gatto guardasse un'altra fuggita non era di alcun aiuto, quando arrivò il secondo gatto uscire dalla gabbia.Questo sarà importante più avanti nella nostra discussione.)

Watson ha studiato i bambini piuttosto che gli animali. Il suo esperimento più famoso, condotto nel 1920, prevedeva il condizionamento di un bambino di 1 anno ("Little Albert") per avere paura dei topi, presentando il ragazzo con un ratto bianco contemporaneamente a un rumore doloroso (facendo scricchiolare due tubi di ferro insieme) – simile all'esperimento classico di condizionamento di Pavlov con i cani (che erano condizionati a salivare al suono di una campana, presentando ripetutamente il campanello con il cibo dei cani). Puoi vedere il film Little Albert qui: http://www.youtube.com/watch?v=0FKZAYt77ZM&feature=related

Watson è stato licenziato dal suo incarico universitario pochi mesi dopo aver pubblicato i risultati di Little Albert, a causa dell'indiscrezione personale – una relazione extraconiugale con lo studente laureato che ha lavorato con lui nello studio Albert. Dopo aver lasciato il mondo accademico, Watson ha lavorato nella pubblicità (un'industria il cui unico scopo è quello di influenzare il comportamento delle persone), e ha scritto un libro influente sull'educazione dei figli: Cura psicologica dell'infante e del bambino , che ha dedicato "Alla prima madre a crescere bambino felice. "Nel suo libro, Watson ha negato l'esistenza di qualità innate come" rabbia, risentimento, simpatia, paura, gioco, curiosità, socievolezza, timidezza, modestia, gelosia, amore, capacità, talento, [o] temperamento ", dichiarando che tutto il comportamento infantile era il prodotto del condizionamento precedente: "Costruiamo in tenera età tutto ciò che più tardi apparirà". Prese anche in considerazione l'istruzione pubblica perché era basata sul presupposto che i bambini potessero svilupparsi dall'interno, se gli insegnanti potrebbero sfruttare il potenziale creativo di ogni bambino: "Penso che questa dottrina abbia fatto un grave danno … i comportamentisti credono che non ci sia nulla dall'interno da sviluppare " (enfasi aggiunta).

Trovo questa dichiarazione piuttosto triste. È certamente in disaccordo con i fatti così come li conosciamo oggi (prendiamo, ad esempio, la massa massiccia di dati su gemelli identici allevati a parte, e quanto simili siano finiti, nonostante abbiano ambienti domestici molto diversi).

La prossima volta, esamineremo i contributi della figura più famosa del comportamentismo, BF Skinner.

————————————–

Seguire Dr. Coplan a http://www.DrCoplan.com, o su Facebook a James Coplan, MD – Pediatrico dello sviluppo / Disturbi dello spettro autistico

Solutions Collecting From Web of "020. Thorndike & Watson: padri fondatori del comportamentismo"